Incendio a Cosenza Vecchia. La rabbia dei residenti: “si interviene sempre troppo tardi”

Ma se il pericolo è scampato quello che non si spegne è il rammarico e la rabbia dei residenti nei confronti di "un comune che ci ha dimenticato"

COSENZA – Il pericolo è quotidiano nel cuore della città vecchia di Cosenza. Stamattina un incendio è divampato in una palazzina del centro storico e grazie alle operazioni di vigili del fuoco e polizia è statoi tratti in salvato un giovane di 28 anni.

- Pubblicita clikio-

Ma se il pericolo è scampato, quello che non si spegne con l’acqua è il rammarico dei residenti nei confronti di “un comune che ci ha dimenticato”.  Ed è ancora una volta monta la rabbia di quei cittadini che questa mattina si sono svegliati tra fumo e fuliggine, protagonisti di battaglie e proteste che al momento non hanno prodotto nulla e che continuano ad assistere allo sgretolamento della parte storica della città che brucia e perde pezzi: cornicioni, tegole, solai e speranze. 

Franz Caruso:” bellissimo esempio di integrazione e solidarietà umana”

“Sono vicino al giovane rimasto ferito a seguito dell’incendio di una palazzina del centro storico, riuscito a salvarsi anche grazie all’aiuto prontamente offerto da alcuni migranti. A questi ultimi rivolgo il mio personale affettuoso ringraziamento per aver portato avanti una straordinaria azione di salvataggio, per nulla scontata e che rappresenta un bellissimo esempio di integrazione e solidarietà umana. Al contempo rivolgo sentimenti di gratitudine ai vigili del fuoco ed alla polizia municipale per l’opera prestata”. Lo afferma il sindaco Franz Caruso, a seguito dell’incendio sviluppatosi in un palazzo di Cosenza Vecchia dove per fortuna è stata evitata la tragedia.

Cosenza Vecchia, Caruso ” ricognizione del grado di fragilità e pericolosità”

“Uno dei problemi più annosi e gravi del nostro Centro Storico – prosegue il primo cittadino – è inerente agli immobili privati, su cui il Comune non può quasi nulla, se non portare avanti un’azione di sensibilizzazione, per come stiamo facendo, affinché i privati possessori di immobili abbandonati nel centro storico intervengano per mantenerli in sicurezza. A tal fine abbiamo già censito tutti gli edifici attraverso una ricognizione del grado di fragilità e pericolosità così da poter procedere prossimamente con le ordinanze di messa in scurezza. Nei casi dovuti e necessari sono state già emesse delle ordinanze di messa in sicurezza a danno e richiesti appositi finanziamenti alla protezione civile regionale su cui ancora non abbiamo avuto risposta. Nel frattempo abbiamo posto in essere un imponente progetto per l’installazione di nuovi idranti ed i primi tre sono stati già collocati. Sin dal prossimo gennaio, invece, ogni angolo del centro storico verrà dotato di un idrante per favorire l’azione dei vigili del fuoco a valere sul programma CIS Sottoservizi”.”Vogliamo assicurare un futuro di rinascita al centro Storico – conclude il sindaco Franz Caruso – e salvarlo dal disagio abitativo e dai continui crolli. Lo faremo una volta attuati tutti gli interventi già programmati”.

- Pubblicità Sky-
Top Button Home 1
- Pubblicità adsense 1-

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti
- Pubblicità Clickio -

Categorie

Correlati

Caso Bergamini, testimonia Giuseppe Milicchio: «tra giornalisti si parlò da subito...

COSENZA - Trentacinquesima udienza del processo che mira a far luce sulla morte dell’ex calciatore del Cosenza calcio Denis Bergamini, avvenuta a Roseto Capo Spulico il...

Carabiniere muore dopo un litigio a Paola: una condanna a 3...

Il Maresciallo dei carabinieri Antonio Carbone è morto di infarto a Paola il 16 agosto 2021 dopo che un 28enne cosentino si scagliò verbalmente contro di lui

Cosenza, Aldo ha perso la sua battaglia contro la leucemia: «impossibile...

Aldo si è spento a 36 anni all’Annunziata di Cosenza. In pochi giorni è diventato il figlio, il fratello e l'amico di tutti: «ha lottato come un leone»

Caso Bergamini, depone e smentisce altri due testi: ‘Denis era poggiato...

In aula il titolare del bar nel quale la Internò si recò a telefonare dopo la tragedia e Franca Valerio che smentisce la testimonianza del cognato e della sorella

Sila, Strada delle Vette chiusa al transito. Quad e fuoristrada mettono...

La Strada della Vette usata anche da Quad e motoslitte. Un rischio altissimo per gli sciatori: «prima di intervenire c'è bisogno che qualcuno si faccia male?»

Bergamini, il teste Panunzio «la ragazza urlava disperata». Mi disse «si...

«La ragazza piangeva come una pazza. Era fuori di testa, non riuscivo neanche a guidare, perché mi tirava il braccio»