Cosenza: ‘Ndrangheta, oltre 200 misure cautelari. Ai domiciliari Marcello Manna - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Area Urbana

Cosenza: ‘Ndrangheta, oltre 200 misure cautelari. Ai domiciliari Marcello Manna

L’operazione dei carabinieri del comando provinciale di Cosenza è scattata alle prime ore di oggi anche in altri centri del territorio nazionale

Avatar

Pubblicato

il

COSENZA – Sono 202 le misure cautelari eseguite all’alba dai Carabinieri, il personale della Squadre Mobili delle Questure di Cosenza e Catanzaro, e dalla Guardia di Finanza, con il coordinamento della Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro. Gli indagati sono accusati a vario titolo di associazione di tipo ‘ndranghetistico, associazione a delinquere finalizzata al traffico di droga, aggravato dalle modalità e finalità mafiose. Ancora le accusa vanno dall’associazione a delinquere finalizzata a commettere delitti inerenti all’organizzazione illecita dell’attività di giochi – anche d’azzardo – e di scommesse, delitti di riciclaggio, autoriciclaggio e trasferimento fraudolento di beni e valori, nonché in ordine ad altri numerosi delitti, anche aggravati dalle modalità e finalità mafiose.

Contestualmente è stato eseguito, a cura dei Finanzieri GICO  di Catanzaro e dallo SCICO di Roma, il sequestro preventivo di beni immobili, aziende, società, beni mobili registrati, riconducibili a numerosi indagati, per un valore stimato in oltre 72 milioni di euro. Delle 202 misure cautelari, 139 sono le persone finite in carcere, 51 ai domiciliari, eseguiti 11 provvedimenti di obbligo di dimora e un divieto di esercitare la professione.

Nell’operazione è coinvolto anche il sindaco di Rende, Marcello Manna, finito agli arresti domiciliari per un presunto caso di corruzione elettorale, risalente al 2019. Ai domicilairi anche due assessori dei comuni di Cosenza e Rende: Francesco De Cicco, assessore alla manutenzione e al decoro urbano di Cosenza e l’assessore ai Lavori pubblici del comune di Rende, Pino Munno. Coinvolti anche esponenti di alcuni clan mafiosi di Cosenza.

Le misure cautelari sono state eseguite non solo a Cosenza e Rende ma anche ad indagati residenti ad Acri, Castrolibero, Celico, Cellara, Luzzi, Marano Principato, Mendicino, Montalto Uffugo, Rogliano, San Benedetto Ullano, San Marco Argentano, San Pietro in Guarano, Spezzano Albanese, Spezzano Sila e Villapiana, in provincia di Cosenza. Altre misure sono state eseguite a Torino, Milano, Novara, Parma, Agrigento, Napoli, Bellusco (Mb), Sala Consilina e Cavaion Veronese. Le indagini comprendono un periodo che va dal 2017 al 2021. L’inchiesta, secondo quanto ritenuto dagli investigatori, ricostruisce gli assetti delle consorterie di ‘ndrangheta attive nell’area urbana cosentina e che vedrebbe insieme i clan Patitucci-Porcaro, Presta, Di Puppo-D’Ambrosio alleati con quello dei cosiddetti “zingari”.

In aggiornamento

Area Urbana

Sanità, sindacati soddisfatti «De Salazar rilancerà l’Azienda Ospedaliera di Cosenza»

Incontro tra il commissario AO e la rappresentanza unitaria sindacale che ha presentato varie istanze: «soddisfatti dopo anni di gestione commissariale approssimativa»

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – L’incontro tenutosi all’Azienda Ospedaliera di Cosenza ha soddisfatto la Rappresentanza Sindacale Unitaria dell’ente che in una nota ha portato all’attenzione gli esiti del confronto tenutosi il 24 gennaio, “con il nuovo Managment Aziendale, composto dal Commissario Straordinario Dott.Vitaliano De Salazar, il referente amministravo, Dott.Achille Gentile, e sanitario Dott.Francesco Amato”.

“In riferimento alla convocazione ricevuta dal Dott.De Salazar, la RSU dell’area del comparto desidera manifestare soddisfazione in quanto, dopo anni di gestione commissariale approssimativa da parte dei Manager precedenti che si sono susseguiti alla guida dell’Amministrazione, è stata manifestata disponibilità per una fattiva collaborazione tra il Managment Aziendale e i rappresentanti sindacali, con l’obiettivo comune di porre in essere un rilancio dell’Azienda Ospedaliera di Cosenza”, dichiara in una nota il coordinatore RSU Giuliano Esposito. 

Preliminarmente il Coordinatore RSU ha rappresentato agli esponenti dell’Amministrazione la composizione sindacale della RSU e delle rappresentanze delle diverse sigle presenti nell’assemblea, per poi successivamente evidenziare quali sono le varie istanze che provengono dai lavoratori e che sono state sottoposte ai precedenti Manager, tramite formali missive e nell’ambito di confronti in presenza, ma che risultano ancora oggi oggetto di trattative purtroppo ancora in attesa di essere definite ed aventi ad oggetto :

-ricevere l’analitico dei fondi contrattuali e, a tal riguardo, ha formalizzato sollecito scritto alla precedente Direzione Amministrativa interessando anche il collegio sindacale;

-la corresponsione degli arretrati maturati a seguito del riconoscimento delle PEO;

-la corresponsione degli arretrati relativi alle procedure di vestizione/vestizione;

-la corresponsione degli arretrati relativi ai buoni pasto per i dipendenti, i quali, a decorrere dalla data del 22 marzo 2021, giorno corrispondente alla chiusura da parte dell’Amministrazione della mensa aziendale per convertire a centro vaccinale, hanno dovuto rinunciare alla regolare somministrazione dei pasti nei locali mensa;

-la corresponsione degli arretrati maturati alla luce della sottoscrizione del nuovo CCNL del comparto sanità relativi al triennio 2019/2021;

Il Coordinatore ha, altresì, precisato che si è portata a compimento la sottoscrizione del Contratto Integrativo Aziendale per l’anno 2022, nonostante la mancata costituzione dei fondi aziendali, relativamente ad alcuni istituti che hanno subito una nuova regolamentazione ed a quelli già trattati quali gli incarichi di funzione, le procedure di vestizione/svestizione, i buoni pasto, le Progressioni Economiche Orizzontali, le Progressioni Verticali e il premio produttività;

Durante la discussione si è ribadito il sottodimensionamento degli organici e su questo tema ci si è confrontati circa la necessità di soddisfare le carenze attraverso l’ingresso di nuovo personale.

Il Commissario ha rassicurato gli intervenuti annunciando la sua disponibilità ad affrontare le diverse tematiche trattate, ribadendo che è necessario un risanamento aziendale che passi attraverso il celere espletamento delle procedure concorsuali per l’assunzione del personale sanitario e dell’area tecnico-amministrativa, la valorizzazione delle professionalità interne all’amministrazione, l’attuazione di un programma di ammodernamento del parco tecnologico. Prima di concludere ha notiziato i presenti che ha già dato mandato agli uffici competenti per il pagamento, nel mese corrente, degli arretrati maturati dai dipendenti a seguito dell’entrata in vigore del nuovo Contratto del comparto sanità 2019/2021.

Rimane fermo il nostro impegno a presidiare l’attuazione di quanto emerso in sede di incontro e rimasto finora sospeso e rimaniamo anche confidenti che le istanze rappresentate trovino una loro pronta e concreta risoluzione. Ribadiamo l’importanza di mantenere un clima lavorativo sereno e favorevole in vista degli obiettivi aziendali che sappia dare la giusta attenzione alla tutela dei diritti dei dipendenti nell’espletamento dei loro doveri professionali e, al contempo, sappia migliorare il presidio dei servizi da garantire all’utenza”.

 

Continua a leggere

Area Urbana

Cosenza, pubblicato avviso per il trasporto scolastico degli studenti con disabilità

Il settore welfare ha pubblicato l’avviso in scadenza il prossimo 6 febbraio riservato agli alunni residenti nel Comune di Cosenza

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Comune di Cosenza - Palazzo dei bruzii

COSENZA – Il settore welfare del Comune di Cosenza ha pubblicato l’avviso per l’erogazione del servizio di trasporto scolastico degli studenti con disabilità che frequentano le scuole dell’infanzia e la primaria e secondaria di primo grado del territorio comunale. Possono manifestare interesse all’attivazione del servizio di trasporto scolastico, per l’anno scolastico in corso 2022/2023, a titolo gratuito, gli studenti non autosufficienti affetti da disabilità fisica, psichica e/o sensoriale, che presentino una significativa compromissione dell’autonomia e che siano in possesso di idonea documentazione sanitaria certificata da una struttura sanitaria pubblica competente, al fine di favorire il diritto allo studio facilitando gli spostamenti nel tragitto casa-scuola.

Il servizio, gestito attraverso l’affidamento a soggetti terzi, è riservato agli alunni residenti nel Comune di Cosenza, frequentanti le scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado del territorio urbano e suburbano della città di Cosenza, che risultino in possesso del verbale di accertamento dell’handicap ex Legge n.104/1992 e che non fruiscano già del servizio di trasporto scolastico.

Le istanze devono essere trasmesse dal genitore dello studente (o da altro soggetto esercente la responsabilità genitoriale o tutore/amministratore di sostegno/curatore, affidatario), utilizzando il modello “A”, allegato all’avviso, entro e non oltre le ore 12 del prossimo 6 Febbraio.

L’istanza dovrà pervenire, tramite posta elettronica certificata, al seguente indirizzo: [email protected] , o, in alternativa, mediante consegna a mano presso gli Uffici del Protocollo generale del Comune di Cosenza, sito in Piazza Eugenio Cenisio (Palazzo Ferrari), in busta chiusa, riportante la seguente dicitura:“Richiesta di attivazione del servizio trasporto scolastico rivolto agli alunni disabili frequentanti la scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado”.

Ogni altra informazione potrà essere desunta dalla consultazione dell’avviso sull’albo on line del Comune, o contattando l’Ufficio Disabili e Adulti in difficoltà – Settore Welfare del Comune di Cosenza, in orario di ufficio, dalle ore 9,00 alle 12,00, oppure telefonando ai numeri 0984813728 – 0984813733 – o inviando una mail all’indirizzo: [email protected] .

Continua a leggere

Area Urbana

Cosenza: il tour tra storia e monumenti, alla scoperta del quartiere ebraico

La passeggiata culturale, prevista per domani sabato 28 gennaio, per non dimenticare la Shoah. L’evento è organizzato dal Comune ed è gratuito

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – “Cosenza, tra storia e monumenti, alla scoperta del quartiere ebraico…per non dimenticare”. E’ il titolo dell’iniziativa promossa dall’Amministrazione comunale guidata dal Sindaco Franz Caruso in programma sabato 28 gennaio a partire dalle 15,30.Una passeggiata culturale organizzata, in occasione delle manifestazioni per il giorno della memoria, in collaborazione con l’Assessore all’Artigianato, Commercio e Attività Produttive, Massimiliano Battaglia e l’esperta d’arte e guida turistica Paola Morano. L’itinerario proposto condurrà alla scoperta delle non poche tracce, materiali e immateriali, della cultura ebraica presenti in città, anche se di difficile e controversa individuazione. Sarà l’occasione per non dimenticare le persecuzioni subite dai cittadini ebrei.

Come si articola l’itinerario

Il raduno è previsto alle 15.30 alla Confluenza dei fiumi, nei pressi della scultura “ Alarico sul Cavallo” di Paolo Grassino, dove la millenaria leggenda di Re Alarico sarà evocata attraverso la scoperta della storia della Menorah, il candelabro a sette braccia simbolo della religione ebraica.

L’itinerario si articolerà attraverso un percorso, totalmente pedonale, nel centro storico, percorrendo Via Lungo Crati Miceli e attraversando la “postierla”, antica porta secondaria delle mura cittadine, fino a raggiungere via Cafarone, il cui toponimo, secondo alcune tesi, riporterebbe alla memoria Cafarnao, antica città della Galilea, centro spirituale dell’evangelizzazione di Gesù.

Altra tappa sarà Palazzo Gervasi che potrebbe, secondo alcune recenti ipotesi, rivelare tracce relative alla localizzazione del quartiere ebraico e della Sinagoga. Percorrendo Salita Liceo si raggiungerà, quindi, Piazza dei Follari, luogo custode della straordinaria operosità della comunità ebraica che favorì la produzione e la diffusione della seta. Si proseguirà verso il Monastero delle Vergini realizzato, secondo le fonti, sul sito dell’antica Sinagoga. Dopo la visita alla Chiesa ed al chiostro, si scenderà verso il quartiere Massa per poi fare tappa al complesso monumentale di S. Agostino dove la passeggiata culturale sarà conclusa al Museo dei Brettii e degli Enotri per apprezzare la mostra “Gli artisti Calabresi per la Shoah” che fa parte dell’ampio programma del “Mese della memoria” promosso dall’Amministrazione comunale.

L’iniziativa è completamente gratuita. Per informazioni e per prenotarsi basta scrivere una mail al seguente indirizzo:[email protected] .

Continua a leggere

Di tendenza