Al Telesio di Cosenza la "Notte Nazionale del Liceo Classico" - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Area Urbana

Al Telesio di Cosenza la “Notte Nazionale del Liceo Classico”

L’iniziativa, che si svolge in contemporanea in 328 licei classici su tutto il territorio nazionale si terrà domani, venerdì 6 maggio dalle 18 alle 24

Avatar

Pubblicato

il

COSENZA – Torna al Liceo Classico ‘Telesio’ di Cosenza la Notte Nazionale del Liceo Classico in contemporanea in 328 licei classici su tutto il territorio nazionale. Per il liceo di Cosenza il coordinamento è stato affidato alla professoressa Daniela Filice, docente di latino e greco, che ha illustrato i dettagli della manifestazione: «L’evento, dopo la particolare edizione online dello scorso anno, dovuta alla pandemia, tornerà in presenza nell’Auditorium “A.Guarasci” del Liceo, per testimoniare la bellezza e la ricchezza dei Licei classici che, in una rete ideale, apriranno e chiuderanno l’evento con delle parti in comune».

«Vuole essere, altresì, – continua la docente – un germoglio di rinascita per celebrare il ritorno alla normalità, per difendere il valore della cultura, motore dell’intelligenza umana, atta a vincere qualunque sfida, soprattutto nel difficile momento che stiamo vivendo che non è solo quella della pandemia. Il tema scelto dalla nostra scuola per l’edizione 2022 è – ha detto Filice – “La Magia Silenziosa delle Muse, incanto della Poesia”».

«Le Muse hanno ispirato Sommi poeti, sono l’espediente per dare autorevolezza al canto, per dare fama; sono garanti delle giuste relazioni tra gli uomini in una evoluzione che va da Omero ad Archiloco. Esse, infatti, afferma Esiodo, che nell’VIII secolo a.C. inaugura sotto la loro egida non solo il suo poema teogonico, ma una millenaria tradizione di poesia, hanno il medesimo cuore, il medesimo pensiero. Dalle sedi loro consuete (quando non allietano di sé l’Olimpo, soggiornano sui monti Parnaso ed Elicona) vegliano insieme, concordi per grazia e forza, sui possibili talenti dei mortali. I loro nomi, ripetuti secondo l’elenco esiodeo, sono “Clio e Euterpe e Talia e Melpomene, / Tersicore e Erato e Polimnia e Urania, / e Calliope, che è la più illustre di tutte”. In compagnia delle Muse danzanti, – ha concluso la professoressa – vivremo la magia di incontri che hanno determinato la poesia e hanno reso immortali versi sempre suggestivi e ammalianti, che continuano ad essere il faro del nostro sapere. La manifestazione, pertanto, fortemente voluta dal Dirigente Scolastico, Antonio Iaconianni e dal Comitato organizzatore dell’Evento, vuole significare, attraverso testi della letteratura di tutti i tempi, canzoni, musiche e danze, che la Poesia ancora incanta in mezzo al dilagare della superficialità: è la metafora della riflessione in mezzo all’effimero e fatiscente; è una divinità più vera di qualunque altra perchè è umana; è un’àncora per l’esistenza».

Il dirigente Antonio Iaconianni ha voluto rivolgere «un grazie particolare a quanti si spendono ogni giorno con spirito di servizio e di abnegazione per organizzare iniziative tanto importanti e qualificanti per il nostro Liceo, questa volta un grazie speciale alla professoressa Daniela Filice che come ogni anno ha curato con dedizione e passione questa magnifica manifestazione. Un grazie anche al nostro regista, il professore Lombardo, che mai si risparmia nella sua disponibilità per eventi che danno lustro al Liceo ed al territorio. Sono convinto – ha affermato il Preside – che questa volta, dopo la pausa dovuta alla pandemia, in città ci sia grande attesa e grande fermento e le aspettative non verranno tradite. Un grazie ai nostri meravigliosi studenti, al personale ATA ed ai docenti che consentono ogni volta tutto ciò. Appuntamento a venerdì, lasciandoci guidare dalle Muse verso un futuro migliore».

 

Area Urbana

Amaco, dipendenti occupano il Comune. Caruso li rassicura “ci sono i fondi, evitiamo la cassa integrazione”

Lunedì si insedierà la commissione OSL (Organo Straordinario di Liquidazione) e si prenderà carico della pratica per dare nuova linfa al settore

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – I dipendenti Amaco hanno occupato questo pomeriggio il Comune di Cosenza per protestare contro il rischio di cassa integrazione in cui incorrono a causa della crisi economica in cui versa l’azienda di trasporto pubblico locale ormai da diverso tempo. Dall’amministrazione comunale, però, arrivano delle rassicurazioni: lunedì si insedierà la commissione OSL (Organo Straordinario di Liquidazione) e si prenderà carico della pratica per dare nuova linfa al settore attraverso appositi fondi.

“Questa soluzione eviterà la cassa integrazione per i lavoratori al fine di guardare ad un futuro più tranquillo per l’azienda Amaco – ha dichiarato il sindaco di Cosenza Franz Caruso, tranquillizzando i dipendenti AMACO, sul piede di guerra a Palazzo dei Bruzi. “L’interlocuzione con la commissione OSL ha dato questo responso. Si sono riservati la facoltà di verificare la presenza in cassa di somme – precisa Caruso – che possano consentire in una procedura di emegernza di soddisfare quelle che sono le esigenze della nostra azienda”. Una soluzione temporanea al momento: “quella definitiva – spiega il sindaco della città dei bruzi – è quella che ha prospettato l’amministratore unico Posteraro con il piano di risanamento e il piano industriale che prevede l’arrivo di 19 pullman elettrici verso fine ottobre e che dovrebbero abbattere assolutamente i costi che sono stati incrementati dalla crisi energetica e da altri fattori che conosciamo benissimo. Quella dovrà essere la fase in cui – ha concluso Caruso – ci sarà la stabilità economica dell’Ente, con una prospettiva positiva che consentirà al Comune di riprocedere alla capitolizzazione con l’attribuizione di beni già individuati che devono essere periziati”. Con un dulcis in fundo del primo cittadino: “Penso che il Comune abbia fatto più di quello che poteva fare”.

Continua a leggere

Area Urbana

Commissione d’accesso in Comune su possibili infiltrazioni. Manna “massima collaborazione”

Il sindaco di Rende “Qualcuno di esterno al comune che certifichi trasparenza e legalità degli atti amministrativi è una notizia positiva”

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

RENDE – “Accogliamo con favore la decisione del Prefetto di inviare la Commissione d’accesso”. È quanto fa sapere il sindaco di Rende Marcello Manna dopo che i Prefetto di Cosenza, dott.ssa Vittoria Ciaramella, su delega del Ministro dell’interno, Luciana Lamorgese, ha nominato la commissione che avrà lo scopo di verificare la sussistenza di concreti, univoci e rilevanti elementi su eventuali collegamenti diretti o indiretti con la criminalità organizzata di tipo mafioso o similare.
“Qualcuno di esterno al comune che certifichi la trasparenza e la legalità degli atti amministrativi – spiega ancora Manna è infatti notizia positiva e atto necessario al ripristino della verità. Durante l’incontro avuto stamane in municipio con i membri della Commissione ho avuto modo di manifestare loro la volontà di massima collaborazione da parte mia, della giunta e del personale amministrativo affinché possano svolgere il compito loro affidato”.

Continua a leggere

Area Urbana

Cosenza, genitori preoccupati al Don Milani-De Matera: “acqua nelle aule, intervenite”

Diversi gli appelli lanciati anche dalla preside e dalla responsabile prevenzione della scuola al Comune affinché si trovi una soluzione

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Genitori preoccupati all’istituto comprensivo ‘Don Milani-De Matera’ in via Aldo Moro a Cosenza a causa delle copiose infiltrazioni d’acqua all’interno della struttura. Sono diversi i solleciti lanciati al Comune di Cosenza – ma rimasti ancora inascoltati – da parte della preside Cairo Immacolata e la responsabile del servizio di prevenzione e protezione della scuola, da tempo, hanno lanciato diversi solleciti al Comune di Cosenza, senza alcun risultato.

“I bambini dapprima sono stati collocati nell’atrio della scuola e ora spostati in un magazzino della palestra”, ci spiega la mamma di un bimbo di che frequenta la prima classe della scuola. “Noi mamme siamo molto preoccupate – prosegue. Abbiamo cercato di avere delle risposte da parte della preside in merito a questa situazione, ma a quanto pare visto che la stessa preside ha già fatto diverse segnalazioni al comune e nessuno ha fatto niente,la situazione non cambierà a breve”. Preoccupazioni più che lecite e un appello accorato da parte dei genitori per far modo che “i nostri bimbi abbiano al più presto una classe. Chi di competenza intervenga”.

 

 

Continua a leggere

Di tendenza