Montalto: dipendente Villa Sorriso licenziato, i colleghi chiedono il reintegro - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Area Urbana

Montalto: dipendente Villa Sorriso licenziato, i colleghi chiedono il reintegro

A scrivere sono i colleghi del dipendente licenziato che hanno diffuso una lettera per chiedere il reintegro al lavoro di Massimo Candela

Avatar

Pubblicato

il

MONTALTO UFFUGO (CS) – “Siamo i colleghi e le colleghe di Massimo Candela, quello che sta succedendo nella clinica di Villa Sorriso, dove alcuni di noi lavorano da quasi vent’anni, è grave e preoccupante. Abbiamo sempre svolto il nostro lavoro con dedizione e premura, anche quando gli stipendi ritardavano ad arrivare, perché le persone di cui ci occupiamo sono persone fragili, bisognose di cure e riguardi”. Inizia così la lettera sottoscritta da 15 colleghi del dipendente di Villa Sorriso licenziato nei giorni scorsi. “Massimo è sempre stato al nostro fianco, ha sempre rivolto particolare attenzione alle problematiche che gli comunicavamo e ha avuto il coraggio, ogni volta, di difenderci e di far presente le esigenze di tutti al datore di lavoro”.

“Non ci capacitiamo di come l’azienda – scrivono – sia potuta arrivare alla decisione di licenziarlo, a partire dal fatto che è un OSS impeccabile, sia con gli ospiti della struttura, che con noi colleghi. La notizia ci ha sconvolto perché siamo fermamente convinti del fatto che le accuse che gli sono state rivolte sono comportamenti che Massimo non metterebbe mai in atto, proprio lui che ha sempre una parola buona per tutti, che ci strappa una risata anche nelle giornate peggiori, che è una persona corretta e leale. Sappiamo per certo, in quanto una nostra collega si trovava lì, che Massimo in quel momento, che viene così duramente contestatogli, stava difendendo i diritti di un nostro collega di tornare a lavoro, dopo mesi e mesi di cassa integrazione”.

“Massimo ha tutta la nostra solidarietà perché sta subendo un’ingiustizia dovuta, probabilmente, ad un accanimento nei suoi confronti, perché non si è mai tirato indietro e ha sempre cercato di operare per il miglioramento delle condizioni lavorative di tutti i colleghi, nessuno escluso. Di questi tempi così difficili, poi, privare un padre di famiglia dello stipendio è una vera e propria violenza sulla quale vorremmo che l’azienda riflettesse. Speriamo che questa vicenda si concluda nel migliore dei modi, ovvero con il reintegro di Massimo Candela, e questa volta siamo noi che restiamo al suo fianco, fino alla fine”.

I colleghi

Oriolo Romina
Mele Rossella
Rizzuti Francesco
Lettieri Serafina
Ferraro Luciana
Verri Amelia
Ferraro Alfonso
Fontana Antonio
Caligiuri Maria
Mazzei Rosa
D’Alessando Dino
Spadafora Manuela
Fullone Gilda
Fortino Giancarlo
Presta Maria

Area Urbana

Morti sul lavoro a Cosenza. UGL: “Siamo sgomenti, arrestare strage”

Lo ha dichiarato in una nota Paolo Capone, Segretario Generale del sindacato, dopo la morte di un uomo a Falconara Albanese e Laino Borgo

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – “E’ ancora strage di lavoratori. A perdere la vita un 43enne schiacciato dal mezzo agricolo di cui era alla guida a Falconara Albanese, in provincia di Cosenza, e un operaio di 52 anni precipitato dal tetto a Guardia Vomano, in provincia di Teramo. A nome dell’UGL esprimo cordoglio alle famiglie delle vittime. Siamo di fronte ad una vera e propria ecatombe che ci lascia sgomenti e indignati. Urgono azioni concrete per rafforzare la prevenzione sui luoghi di lavoro e impedire simili tragedie. In tal senso, chiediamo alle istituzioni locali e nazionali di intensificare i controlli potenziando gli organi ispettivi, di assicurare un maggior coordinamento degli enti preposti attraverso l’unificazione delle banche dati, e, al contempo, di investire nella formazione e nella cultura della sicurezza. Con la manifestazione ‘Lavorare per vivere’, l’UGL intende porre l’attenzione dell’opinione pubblica e del Governo sul fenomeno inaccettabile delle cosiddette ‘morti bianche'”.
Lo hanno dichiarato in una nota congiunta Paolo Capone, Segretario Generale dell’UGL, Gianna De Amicis, Segretario Generale UGL Abruzzo, e Ornella Cuzzupi, Segretario Regionale UGL Calabria, in merito ai due infortuni sul lavoro in cui hanno perso la vita un 43enne schiacciato dal mezzo agricolo di cui era alla guida a Falconara Albanese, in provincia di Cosenza, e un operaio di 52 anni precipitato dal tetto a Guardia Vomano, in provincia di Teramo.
Tre mesi fa un altro drammatico incidente sul lavoro nel cosentino: un altro giovane operaio morì a Laino Borgo, all’interno della centrale a biomasse Mercure. Ennesima scia di sangue di una serie plurima di incidenti sul lavoro, per cui il nuovo Governo dovrà trovare una soluzione.

Continua a leggere

Area Urbana

Rende, una bombola di gas esplode in auto: giovane in gravi condizioni

L’episodio è avvenuto nel quartiere San Gennaro. Il 30enne originario di Rende è rimasto ustionato su buona parte del corpo

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Una bombola di gas esplosa  in auto: l’episodio è avvenuto venerdì scorso nei pressi del quartire San Gennaro di Rende. Secondo quanto si apprende, un ragazzo di 30anni, D.B. residente a Rende, avrebbe fatto rifornimento presso un benzinaio, ricaricando una bombola di gas, per poi trasportarla all’interno della sua vettura. Probabilmente, per motivi ancora in corso di accertamento, durante il tragitto in auto, il giovane si sarebbe acceso una sigaretta innescando l’esplosione della bombola. Il 30 enne sarebbe riuscito ad uscire dall’auto ma avrebbe riportato grandi ustioni su buona parte del corpo

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco per spegnere il rogo provocato dall’esplosione. I carabinieri, che indagano sulla vicenda, avrebbero anche sentito il titolare del rifornimento di benzina.

Continua a leggere

Area Urbana

Unicef Cosenza, allarme sui rincari di RUFT e malnutrizione “colpiti 2 bimbi su 3”

In occasione della festa dei nonni una riflessione sulla grave problematica: il prezzo degli alimenti terapeutici pronti all’uso ha subito rincari del 16%

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – La festa dei nonni celebra un legame speciale, importante per la crescita ed il futuro dei minori, ma anche per la salute di chi è più avanti negli anni. Purtroppo non tutti i bambini hanno la fortuna di vivere in contesti sereni e di costruire futuro. Ed è per questo che, in occasione della festa dedicata a nonni e nipoti, il Comitato provinciale Unicef di Cosenza si è ritrovato a discutere di infanzia negata e malnutrizione.

La malnutrizione infantile è la violazione di un diritto umano fondamentale del bambino, quello alla sopravvivenza e allo sviluppo, non si limitata alla mancanza di cibo, ma è una combinazione di fattori: scarsità di proteine, micronutrienti e calorie; alta frequenza di infezioni e altre malattie; inadeguatezza dei servizi sanitari; scarso accesso all’acqua potabile e all’igiene, emergenze improvvise o protratte nel tempo.

Già prima che la guerra in Ucraina minacciasse di far sprofondare il mondo in una crisi alimentare globale, il numero di bambini colpiti da malnutrizione acuta grave era in forte aumento a causa di più fattori, tra cui la difficile ripresa delle economie mondiali dalla pandemia da Covid 19 e condizioni persistenti di siccità in vari Paesi a causa del cambiamento climatico.

La malnutrizione acuta grave rappresenta la forma più pericolosa di malnutrizione e provoca la morte di 1 bambino su 5: in tutto il mondo almeno 13,6 milioni di bambini sotto i 5 anni soffrono di questa forma grave di malnutrizione. LAsia Meridionale rimane l’epicentro di questa piaga: ne è colpito 1 bambino su 22, il doppio rispetto all’Africa subsahariana.

I bambini che soffrono di malnutrizione acuta grave, sono troppo deboli e malati per mangiare cibo normale. Non possono essere salvati con sacchi di grano o di soia. Per sopravvivere, hanno bisogno di nutrizione terapeutica urgente – RUTF (Alimento Terapeutico Pronto all’Uso).

“Unicef Italia ha stimato che, a causa del forte aumento dei costi delle materie prime – dichiara Monica Perri, presidente del Comitato provinciale Unicef di Cosenza – il prezzo degli alimenti terapeutici pronti all’uso (RUFT) fondamentali nella cura della forma acuta grave di malnutrizione, aumenterà nei prossimi mesi del 16%. Anche i finanziamenti globali per salvare vite attraverso l’uso di questo alimento terapeutico sono fortemente a rischio: attualmente 2 bimbi malnutriti gravemente su 3, non ha accesso a questa fondamentale terapia alimentare. Purtroppo tutto ciò coincide con una forte diminuzione dei tassi di vaccinazione contro le malattie dei bambini: una combinazione letale. Senza un’azione rapida – concludono i volontari Unicef – potremmo trovarci di fronte a una crisi di sopravvivenza dei bambini”. L’azione del Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia si concentra su tre aree di intervento: prevenzione di ogni forma di malnutrizione, salute e nutrizione nell’adolescenza, terapia e cura dei bambini affetti da malnutrizione acuta grave”.

Continua a leggere

Di tendenza