Cosenza, centinaia di studenti in piazza contro le molestie: "Meno abusi, più rispetto" - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Area Urbana

Cosenza, centinaia di studenti in piazza contro le molestie: “Meno abusi, più rispetto”

E’ partito con centinaia di ragazzi al seguito, il corteo promosso dagli studenti del Valentini Majorana di Castrolibero dopo 15 giorni di occupazione dell’istituto

Avatar

Pubblicato

il

foto di Marco Belmonte

COSENZA – Messaggi chiari e diretti quelli dei ragazzi: “Meno abusi, più rispetto“, “Via i pedofili dalle scuole”, “Fuori chi molesta”, “No alla scuola dei padroni” e ancora “Di alternanza non si può morire“. Sono alcuni degli slogan scritti sugli striscioni e sui cartelli esposti dalle centinaia di ragazzi che stanno sfilando a Cosenza.

E’ partito infatti da piazza Loreto il corteo promosso dagli studenti del Valentini Majorana di Castrolibero dopo 15 giorni di occupazione scaturita dalle denunce e segnalazioni di casi di molestie che sarebbero state subite da alcune studentesse da parte di un docente.

Obiettivo della manifestazione spiegano i ragazzi è cambiare, è dare una risposta concreta a tutti quei ragazzi che vivono tra le mura scolastiche il disagio. Quello di oggi sarà l’ultimo giorno di occupazione poi lunedì si tornerà in classe. Fausto, studente del Valentini Majorana, e tra i promotori dell’occuazione, spiega che “tra le richieste che saranno portate all’ufficio scolastico c’è anche quella di prevedere del personale di un centro antiviolenza nelle scuole”.

“Mi fa anche schifo lottare per qualcosa come le molestie”

Uno studente e portavoce del Valentini Majorana, nel ringraziare tutti i ragazzi che sono presenti da tantissime scuole della provincia “che sono qui per lottare per qualcosa per cui mi fa schifo lottare, ossia le molestie tra i banchi. Se vado a scuola non posso subire molestie, abusi, attacchi. Non è possibile ancora oggi. Dobbiamo far sentire il nostro grido: “no agli abusi sugli studenti”. “Se ci bloccano il futuro noi blocchiamo la città” urlano i ragazzi che stanno sfilando in corteo”. Alla manifestazione stanno partecipando anche la deputata del Pd Enza Bruno Bossio, il sindaco di Cosenza Franz Caruso e rappresentati sindacali della Cgil e dell’Usb.

Il corteo in diretta da piazza Loreto verso piazza dei Bruzi


Un susseguirsi di cori, uno in particolare cattura l’attenzione delle giovani ragazze che sfilano in corteo: “Sono una studentessa del Valentini Majorana – urla la giovane – chiedo a tutte le studentesse di unirsi alla nostra battaglia. La folla s’innalza al grido: “ma che diffamazione, ma che reato la lotte delle donne distrugge il patriarcato“. E ancora: “ci hanno detto che il problema era il nostro modo di vestire, le scollature, il nostro essere donne – dice a gran voce un’altra studentessa – ma il problema siete voi. Delle vostre difese non ne possiamo più. Maschio violento il colpevole sei tu”. E poi ancora uno studenti: “la nostra protesta non è una passeggiata ogni scuola sarà una barricata”.

Non mancano i cori contro la preside del Valentini Majorana, attualmente in malattia. “In molte scuole ancora vige la dittatura dei docenti e del preside senza ascoltare gli studenti – dice un ragazzo. La scuola è l’unione di studenti e docenti e non è possibili che ci siano ancora presidi che gestiscano la scuola in questo modo”. A queste parole si innalza un coro forte e deciso: “se non ti dimetti noi non ce ne andiamo”. 

Jennifer, una ragazza del Valentini Majorana, che aveva raccontato le molestie subite al megafono dice: “spero che possiamo essere ascoltati. Vogliamo frequentare l’ambito scolastico sicuri e senza avere paura di esporci”.

Un docente universitario, presente in piazza a sostegno degli studenti sottolinea: “sono qui per ascoltare non in senso paternalista ma per ascoltare le lezioni che ci vengono dai ragazzi e dalle ragazze. Io riassumerei in due punti, la prima è la parola dignità e questi ragazzi ci hanno insegnato la rivendicazione della dignità da parte degli studenti che non accettano l’omertà. Un secondo punto riguarda il lavoro: lavoratrici e lavoratori non possono essere oggetto di sfruttamento tanto più quando il lavoro viene a contatto con la scuola e il mondo della formazione”. Il riferimento è agli studenti che hanno perso la vita nel percorso di alternanza scuola lavoro.

Dalia Aly: “Tutto questo è nato dal nostro dolore”

Il corteo è arrivato fino alla sede dell’Ufficio scolastico provinciale, dove ha preso la parola Dalia, la ragazza che ha dato vita alla pagina Instagram per raccogliere le segnalazioni: “me le ricordo delle mani su di me, me le ricordo le battutine sul mio culo e sul mio seno. Cara Maletta mi ricordo tutto, ed è dai nostri ricordi che è nato tutto questo”. “E’ dal nostro dolore che è nato call.out.valentinimajorana”. Dalia: “pensavo fosse normale che un professore mi toccasse ma non è normale e queste dirigenti devono smetterla di fare le finte manager.

Il corteo si è concluso in piazza dei Bruzi dove tutti i manifestanti si sono riuniti in una sorta di assemblea per raccontare, per rivendicare quanto hanno subito e non sono più intenzionati a subire. Ancora una volta slogan contro chi ha tentato di insabbiare le loro denunce, il loro malessere. Un grido di speranza a difesa di tutti quei ragazzi e ragazze che spesso vivono nel silenzio il disagio di una molestia, di un abuso, di un atto di bullismo.

 

TUTTE LE FOTO

Cosenza

Rampini (Corsera) :” Il gap infrastrutturale in Calabria si può recuperare con digitalizzazione”

Rampini,  per quanto riguarda la Calabria, ha spiegato per esempio che  il gap infrastrutturale,  potrebbe esser recuperato  accelerando nella digitalizzazione

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Tra i relatori del seminario svoltosi presso la Camera di Commercio di Cosenza, promosso insieme a Promos Italia,  incentrato alla individuazione degli  strumenti di sostegno all’internazionalizzazione e una maggior spinta alla digitalizzazione per continuare a presidiare i mercati tradizionalmente legati al nostro export e per intercettare nuove opportunità in economie a maggior potenziale di sviluppo, nella consapevolezza che i prodotti legati al territorio e alla cultura nostrana fanno del Made in Italy un marchio unico e apprezzato nel mondo, c’è stato  Federico Rampini, Editorialista del Corriere della Sera e saggista che ha affrontato i temi geoeconomici che stanno influenzando il mondo come la guerra in Ucraina. Rampini,  per quanto riguarda la Calabria, ha spiegato per esempio che  il gap infrastrutturale,  potrebbe esser recuperato  accelerando nella digitalizzazione

Continua a leggere

Area Urbana

Problemi dopo un parto in casa, mamma e bimbo salvati dall’elisoccorso di Cosenza

L’equipe di sanitari alla guida del dottor Pasquale Gagliardi ha provveduto a trasferire la puerpera ed il bambino appena partorito all’Annunziata

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

SAVELLI (KR) – E’ dovuto intervenire l’elisoccorso del 118 di Cosenza per prestare assistenza a Savelli, nel crotonese, ad una donna di 37 anni che aveva appena partorito in casa ed al neonato, entrambi con problemi. La telefonata al 118 ha fatto scattare immediatamente l’intervento dell’elisoccorso di Cosenza: l’equipe di sanitari alla guida del dottor Pasquale Gagliardi ha provveduto a trasferire la puerpera ed il bambino che aveva appena partorito nell’ospedale dell’Annunziata di Cosenza. La donna é stata ricoverata nel reparto di ostetricia e ginecologia, mentre il piccolo viene assistito dai sanitari della Terapia intensiva neonatologica. Adesso, comunque, entrambi stanno bene.

Continua a leggere

Area Urbana

Cattedrale, 800° anniversario alla presenza del Legato Pontificio. Divieti di sosta e transito

Un provvedimento necessario tenuto conto della partecipazione di numerose autorità religiose, civili e militari oltre ad una nutrita presenza di fedeli

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – In occasione della Solenne Celebrazione per l’Ottavo Centenario della Cattedrale di Cosenza, in programma sabato 25 giugno in Piazza 15 Marzo, alle ore 17,30, presieduta da Sua Eminenza, il cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato della Santa Sede e Legato Pontificio per l’800° anniversario della dedicazione della Cattedrale, la Polizia Municipale, tenuto conto della partecipazione di numerose autorità religiose, civili e militari oltre ad una nutrita presenza di fedeli, ha emanato un’ordinanza resasi necessaria per l’adozione temporanea di specifici provvedimenti viabilistici atti a garantire le condizioni di sicurezza ai partecipanti e agli utenti della strada. Pertanto è stato istituito per sabato 25 giugno, dalle ore 12,00 alle ore 22,00 il divieto di sosta con rimozione:

– su Piazza 15 Marzo, per tutta la sua estensione;

– su via Paradiso, per tutta la sua estensione, eccetto i veicoli autorizzati;

– su Corso Telesio, per tutta la sua estensione;

sulla bretella compresa tra via Antonio Serra e Piazza 15 Marzo, per tutta la sua estensione;

– su Piazza Vittime Civili di Guerra, per tutta la sua estensione, eccetto i veicoli autorizzati.

Il provvedimento della Polizia Municipale dispone, inoltre, sempre per sabato 25 giugno, dalle ore 12,00 alle ore 22,00, il divieto di transito su:

– Piazza 15 Marzo;

– via Paradiso, eccetto i veicoli autorizzati;

– Corso Telesio;

– Via Antonio Serra;

– sulla bretella compresa tra via Antonio Serra e Piazza 15 Marzo;

– Piazza Vittime Civili di Guerra, eccetto i veicoli autorizzati.

Nel corso della manifestazione , gli agenti di polizia stradale in servizio adotteranno, per motivi contingenti, le appropriate misure di regolazione del traffico ed ogni altro opportuno provvedimento che la situazione dovesse richiedere.

Le linee di trasporto pubblico subiranno quelle modifiche di percorso e di fermata che si renderanno necessarie durante lo svolgimento della manifestazione.

Continua a leggere

Di tendenza