Prorogata l'allerta rossa. Scuole chiuse a Cosenza e Rende anche domani - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Area Urbana

Prorogata l’allerta rossa. Scuole chiuse a Cosenza e Rende anche domani

L’ondata di maltempo prosegue con la proroga dell’allerta rossa sulla fascia tirrenica cosentina da oggi e fino alla mezzanotte di domani 27 novembre

Avatar

Pubblicato

il

COSENZA – L’ondata di maltempo prosegue con la proroga dell’allerta rossa sulla fascia tirrenica cosentina da oggi e fino alla mezzanotte di domani 27 novembre. Tutte le scuole pubbliche e private di ogni ordine e grado presenti nel territorio comunale di Cosenza e Rende resteranno chiuse anche nella giornata di domani, sabato 27 novembre.

Scuole chiuse a Cosenza e Rende anche domani

Il Sindaco Franz Caruso ha disposto la chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado nella sua qualità di autorità territoriale di protezione civile, con una nuova ordinanza emanata a seguito di una nuova comunicazione del Dipartimento di Protezione civile della Regione Calabria, con la quale, in fase previsionale, si è portato a conoscenza del Comune che la situazione di allerta meteo rossa si protrarrà fino alle ore 24,00 di sabato 27 novembre. Nel provvedimento di chiusura delle scuole rientrano anche il Conservatorio di Musica “Stanislao Giacomantonio”, nonché i servizi socio educativi per la prima infanzia – fino a 36 mesi di età – con inclusione delle ludoteche, presenti nel territorio del Comune di Cosenza.

Anche il sindaco di Rende Marcello Manna “comunica che con ordinanza sindacale contingibile ed urgente n.3489 del 26 novembre 2021, vengono prorogate, a causa dello stato di allerta rossa, le disposizioni a tutela della pubblica incolumità, fino alle ore 24 di giorno 27 novembre 2021”.

“Massima prudenza”

Come in quello adottato ieri, anche il nuovo provvedimento del Sindaco Franz Caruso è motivato con la situazione di pericolo per l’incolumità di persone e cose che potrebbe derivare dalla criticità rappresentata dall’allerta meteo rossa e con l’esigenza di adottare misure precauzionali a tutela della pubblica incolumità. L’ordinanza di chiusura delle scuole si è resa necessaria per far sì che le strade, durante gli eventi meteo avversi, rimangano, per quanto possibile, libere dal traffico, al fine di agevolare gli eventuali soccorsi ed aiuti ed anche in considerazione dell’esigenza di limitare gli spostamenti di persone e veicoli nel territorio cittadino, atteso, inoltre, che lo spostamento degli studenti, per raggiungere i plessi scolastici, pubblici e privati, nonché il Conservatorio di musica, determinerebbe una circolazione molto intensa in condizioni di viabilità non ottimali.

Il nuovo messaggio di allerta meteo è stato comunicato al Comune di Cosenza dalla Sala Operativa della Protezione civile regionale. Nella comunicazione si prevede un livello di allertamento codice rosso che si protrarrà fino alle ore 24,00 di domani, sabato 27 novembre, e comunque fino a cessate esigenze. Il quadro previsionale tracciato dalla Protezione civile regionale e reso noto dalla dirigente della Protezione civile comunale, ing.Antonella Rino, fa riferimento a piogge diffuse e temporali sparsi, anche a carattere di rovescio, di forte intensità. I fenomeni saranno accompagnati da frequente attività elettrica e forti raffiche di vento. Rimane attivato, per decisione del Sindaco Franz Caruso e dell’Amministrazione comunale, con l’Assessore alla protezione civile Veronica Buffone, il Centro operativo comunale (C.O.C) fino alle ore 24,00 di sabato 27 novembre.

E’ stato, altresì, ribadito l’invito ai cittadini alla massima prudenza e richiamandosi alle raccomandazioni diffuse dalla Protezione Civile a: non mettersi in viaggio se non strettamente necessario, evitare i sottopassi, abbandonare i piani seminterrati o interrati se ubicati in zone depresse o a ridosso di fiumi, torrenti tombati o con sezioni d’alveo ristrette per cause antropiche. Nelle predette aree è consigliato di raggiungere i piani superiori, non sostare in prossimità di aree con versanti acclivi che potrebbero dare origine a colate rapide di fango e crolli di blocchi rocciosi. La situazione sarà monitorata, costantemente, dal servizio di Protezione civile comunale e dalla Polizia municipale. In caso di necessità, contattare i seguenti numeri:

VIGILI URBANI 0984 813760

VIGILI DEL FUOCO 115

CARABINIERI 112

Area Urbana

Misasi-San Bartolo, fissato un incontro tra Commissione sanità e proprietà

Giovedì fissato un incontro tra Commissione Sanità e la proprietà delle strutture. I sindacati hanno chiesto però un incontro alla presenza dei loro rappresentanti e soprattutto del presidente Occhiuto

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Dopo le proteste nei giorni scorsi, si è tenuto ieri a Reggio Calabria, l’atteso incontro in Commissione Sanità nella sede del consiglio regionale, per discutere la vertenza dei 51 lavoratori Misasi – San Bartolo, ai quali dopo anni di lavoro, sono state inviate le lettere di licenziamento. Dall’incontro – fanno sapere le sigle sindacali – è emersa solo la convocazione di un ulteriore incontro, in programma giovedì prossimo, tra la proprietà delle cliniche, i Greco, e la stessa commissione, anche se il sindacato, ha proposto che questo venga allargato anche ai rappresentanti sindacali e che si svolga alla presenza del governatore Roberto Occhiuto, che ha anche il ruolo di commissario alla sanità in Calabria.

Restano dunque nel limbo le posizioni dei 51 lavoratori delle cliniche Misasi – San Bartolo, che dopo il passaggio dal gruppo Morrone a quello iGreco, hanno ricevuto le lettere di licenziamento e che nei giorni scorsi, sono anche saliti sul tetto della struttura in piazza Crispi a Cosenza in segno di protesta e per richiamare l’attenzione sul loro futuro. L’incontro con Occhiuto però, potrebbe slittare di diversi giorni visto che il presidente è chiamato, in qualità di delegato, a prendere parte alle votazioni per l’elezione del Prsidente della Repubblica.

Continua a leggere

Area Urbana

Rende, apre a Villaggio Europa la Biblioteca delle Generazioni Future

Libri per tutti con quattro nuove sezioni che con 2500 volumi impreziosiranno la biblioteca di Villaggio Europa arricchendo il segmento di lettura pubblica che vanta ben 5mila volumi di classici della letteratura, oltre che delle collane di storia e filosofia.

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

RENDE – Uno spazio dedicato alla bellezza della lettura e alla condivisione dei saperi: si inaugura a Rende la Biblioteca delle Generazioni Future. “Dai libri parte la costruzione di una comunità pluralista: le biblioteche debbono essere presidi di cultura da moltiplicare, agorà dove dialogare, riflettere, esercitare il diritto all’autodeterminarsi”. Così il sindaco di Rende, Marcello Manna presenta la Biblioteca delle Generazioni Future.

Libri per tutti dagli zero ai cento anni con ben quattro nuove sezioni che con 2500 volumi impreziosiranno la biblioteca di Villaggio Europa arricchendo il segmento di lettura pubblica che vanta ben cinquemila volumi di classici della letteratura, oltre che delle collane di storia e filosofia.

Un lavoro di riorganizzazione capillare durato oltre due anni: “Con l’iniziativa Nati per Leggere siamo riusciti a creare l’innovativa sezione che va dagli 0 ai 6 anni, certi che l’approccio alla lettura debba cominciare attraverso i cinque sensi. Per i più piccoli abbiamo pensato ad uno spazio ad hoc, dove si potrà toccare, annusare, leggere in tutta sicurezza”, ha spiegato l’assessora alla cultura Marta Petrusewicz.

Nella sezione dai 6 ai 12 anni si realizzerà il percorso intrapreso dall’amministrazione Manna, unico referente per la Calabria, con Mamma lingua: “Avremo volumi e letture multilingue per coltivare la lingua madre, oltre alla PenPal che traduce in contemporanea. Questo aiuta i minori nati in famiglie straniere a mantenere il contatto con le proprie origini e quelli di madrelingua italiana a comprendere che la diversità è ricchezza”, ha proseguito Petrusewicz. Attivismo giovanile e sensibilizzazione soprattutto sui temi ambientali, caratterizzeranno la sezione 12-17 con libri che: “aiuteranno i ragazzi a riflettere e discutere sul tempo presente. Una prosecutio dei laboratori di cittadinanza attiva che da anni il comune tiene negli istituti cittadini di istruzione superiore e si inserisce nella sezione dei beni comuni”, ha affermato l’assessora alla cultura.

Proprio la sezione beni comuni sarà dedicata alla memoria dell’attivista Carlo Cuccomarino: “È a Carlo che si deve riconoscere l’importante contributo dato alla nostra amministrazione e all’intera area urbana: se il percorso sui Beni Comuni è divenuto reale e concreto a Rende lo si deve principalmente al suo impegno, alla sua caparbietà al suo guardare oltre in una prospettiva che guarda alle generazioni future”, ha affermato l’assessora alle pari opportunità, ai diritti civili e ai beni comuni Lisa Sorrentino. “La Biblioteca delle Generazioni Future – ha concluso Petrusewicz – attraverso la sottoscrizione del Patto per la Lettura da parte di biblioteche, librerie e altri spazi dell’area urbana dedicati ai libri, sarà dal Sistema Bibliotecario dell’Università della Calabria sino al polo bibliotecario comunale un unicum dove esercitare il libero pensiero ad ogni età, ad ogni latitudine”.

All’inaugurazione, prevista per domani, sabato 22 gennaio alle 10,30, oltre al sindaco Manna e alle assessore  Petrusewicz e  Sorrentino, interverranno la deputata Anna Laura Orrico, Roberto Elmo, direttore del Sistema Bibliotecario di Ateneo-Unical, Gilberto Floriani, presidente AIB Calabria e Antonio Curcio, referente del Polo bibliotecario rendese.

Continua a leggere

Area Urbana

Domani il secondo Congresso Provinciale A.N.P.I. Cosenza

L’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia ha avviato il percorso congressuale in tutte le sezioni territoriali, che si concluderà a Riccione dal 24 al 27 marzo con la celebrazione del 17° Congresso Nazionale

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Anche la sezione Provinciale ANPI Cosenza “Paolo Cappello” si avvia al suo II Congresso Provinciale, che si terrà domani, 22 gennaio dalle ore 9,00 presso la Sala Nova del Palazzo della Provincia in piazza XV Marzo. “Sono tempi difficili quelli che stiamo vivendo, tempi caratterizzati da una tragedia mondiale – la pandemia – ma anche di inaudita violenza, irragionevolezza e da tutti quegli episodi di inaccettabile stampo fascista che sempre più, approfittando dell’importante crisi economica e sociale, tentano di minare la tenuta della nostra amata democrazia. Ed è con un bagaglio così pesante – scrive il direttivo cosentino dell’Anpi – che anche la nostra provincia si avvia ad un percorso che vedrà l’ANPI non come mero custode di un antico cimelio, ma come soggetto politico attivo che fa tesoro della memoria per intervenire nel presente e per disegnare il futuro”.

“Il congresso è un momento molto importante per la nostra associazione perché non solo diventa occasione di incontro fra iscritti, istituzioni democratiche, politiche e sindacali dell’intera provincia ma va a tracciare quell’imprescindibile percorso di continuità nel tramandare la memoria della Guerra di Liberazione e di chi l’ha combattuta. Un’eredità importante consegnata dalla Resistenza e che l’A.N.P.I. continua a custodire e promuove attraverso la difesa di valori come libertà, eguaglianza, democrazia, solidarietà e pace. La nostra Associazione diventa così la casa di tutte quelle persone che in questi ideali riconosce i pilastri valoriali della resistenza, successivamente incarnati nella Costituzione. Il congresso diventa anche occasione di proficua interazione e collaborazione fra quanti a questi fondamentali valori si ispirano”..

Continua a leggere

Di tendenza