Giornata contro la violenza alle donne, a Rende "Le ombre dell'amore" - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Area Urbana

Giornata contro la violenza alle donne, a Rende “Le ombre dell’amore”

L’evento promosso dall’associazione “Libera…Mente” si svolgerà, dalle ore 17:30 domani, 25 novembre, presso la sala “Tokio” del “Museo del Presente”

Avatar

Pubblicato

il

RENDE – La manifestazione ideata dalla dott.ssa Lia Calabria, che la dirige insieme alla dott.ssa Rosanna Labonia, Presidente dall’Associazione “Libera…Mente” e si colloca tra le iniziative mirate a compartecipare alla celebrazione della “Giornata mondiale sul femminicidio”. La consapevolezza della delicatezza del tema suscita una risposta di singolare sensibilità, che l’evento offrirà con soavità sapienziale. Nell’oscuro illuminismo del nostro tempo “Le ombre dell’Amore” si propone come riflessione sul femminicidio, condotta in equilibrio tra le motivazioni del cuore e i postulati della ragione, sullo sfondo del pentagramma socio-antropologico.

Un’occasione per illuminare la fenomenologia dei pregiudizi e degli stereotipi che originano la violenza di genere. La manifestazione, infatti, si propone di concorrere alla promozione di un moto di autocoscienza nei maschi, perché, seppur tradizionalmente educati a sentirsi padroni dell’altra metà del cielo, possano finalmente liberarsi dalla propensione alla tracotanza verso la donna, che esita, in moltissimi casi, in violenza.

Lo svolgimento dell’incontro alternerà momenti recitativi e contributi portati da qualificatissimi relatori e relatrici. La Dott.ssa Lia Calabria, con competenza e rara sensibilità, ha operato una scelta sapiente di monologhi e sketch di films, da lei adattati, per sottolineare il dolore e la violenza subita dalle vittime dell’«Amore Nero»: vero motore del convegno, introdurranno le tematiche trattate dai relatori con performances della Compagnia teatrale «I Lunari», (Anna Angellina, Francesca Gaudio, Donato Buccieri, Caterina De Salvo, Francesca Pecora, Elena Massaro, Antonino Buffone, Maria Loredana Ambrosio, Luca Aiello, Debora De Rose, Rodolfo Perri, Francesca De Luca).

Il convegno è dedicato alla memoria della Dott.ssa Maria Regina Elia, cantante della Compagnia Teatrale de «I Lunari». Alla Prof.ssa Rossana Cosco è affidato il compito di esplorare «Il mal d’amore nel mondo classico» attraverso le introduzioni dedicate ai messaggi contenuti nelle parti sceneggiate. Dopo il monologo d’esordio, la Dott.ssa Marina Lento, Presidente dell’associazione “Sofema”, si soffermerà a considerare «Come trasformare il dolore in una risorsa».

A seguire, l’Avv. Paola Ambrosio, del “CIF” (Centro Italiano Femminile), affronterà il tema «Quando l’amore diventa reato». «La violenza nell’arte» sarà l’argomento sul quale si intratterrà la Dott.ssa Maria Teresa Buccieri, storica e critica dell’arte. Il Prof. Dott. Sergio Caruso, psicologo e criminologo, nell’intervento finale, «Analisi di stragi annunciate», illustrerà all’uditorio le coordinate delle dinamiche che conducono al femminicidio. È prevista anche la partecipazione della poetessa cosentina Anna Francesca La Rosa, che reciterà alcune poesie sul tema. Concluderà l’evento una performance, «Questione di donne», curata dal cabarettista Emanuele Gagliardi, accompagnato dalla chitarra del musicista Mario Rufus Rufini. L’auspicio di tutti i protagonisti che animeranno l’iniziativa è quello che presto si passi dalle violenze, dalle discriminazioni, dalle prevaricazioni al superamento dei pregiudizi e degli stereotipi sulla donna. Solo allora diverrebbero profeticamente attuali le parole di Massimo Troisi: «Non potrei vivere al pensiero che da qualche parte ci sia una donna che mi odia, perché come abbiamo messo tanto amore nello stare insieme, bisognerebbe saper lasciare con amore». 

Area Urbana

Tutto pronto per il rientro del giovane di Cosenza bloccato in Olanda

La notizia è stata data dalla sorella del giovane, Brunella Cerbelli, che ne aveva prima denunciato la scomparsa e poi, avute notizie del giovane, ha iniziato una raccolta di fondi

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Sarà il Centro di igiene mentale di Cosenza, in collaborazione con l’Ambasciata italiana, a occuparsi del rientro del giovane di 29 anni che era scomparso da Cosenza ed è stato poi ritrovato ad Amsterdam, ricoverato in un ospedale. La notizia è stata data all’AGI dalla sorella del giovane, Brunella Cerbelli, che ne aveva prima denunciato la scomparsa e poi, avute notizie del giovane, ha iniziato una raccolta di fondi per poter riportare il fratello, malato psichiatrico, in Calabria, stante l’impossibilità della famiglia di pagare le spese necessarie. “La vicenda sembra avviarsi ad una felice conclusione – dice la donna – e spero presto di poter rivedere mio fratello. Intanto un grazie alle istituzioni che hanno accolto il nostro appello”.

Continua a leggere

Area Urbana

Clinica Santa Lucia, eccellenza dell’oculistica. Incontro con Occhiuto per l’accreditamento

Il direttore amministrativo della struttura Mario Cipolla: “due anni di attesa. Confidiamo nell’intervento del presidente per salvaguardare una vera eccellenza della sanità”

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Si svolgerà questa settimana l‘incontro tra il presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto e i vertici della Cinica Oculistica Santa Lucia di Cosenza, per cercare di risolvere la vicenda del rinnovo dell’accreditamento della struttura. Il direttore amministrativo della struttura Mario Cipolla, come ha dichiarato ai nostri microfoni, confida nell’intervento del presidente Occhiuto che tra l’altro è anche commissario della Sanità in Calabria “Un riconoscimento  – spiega Cipolla – che dovrebbe essere cosa dovuta, perché dai documenti si evince chiaramente che sono stati eseguiti tutti gli adempimenti, previsti. Questa clinica, che è un eccellenza dell’oculista calabrese, è accreditata dal 1950. Due anni di false promesse, fatte dai vari dirigenti che si sono succeduti in Regione per attestare ciò che è un nostro diritto. La clinica ha il diritto dovere di essere accreditata”.

Insomma, un riconoscimento atteso da ben due anni, per una struttura sanitaria che può essere considerata un fiore all’occhiello che eroga prestazioni di servizi di diagnosi e cura delle malattie degli occhi, sia ad anziani che a giovani e che in questi due anni di pandemia. Una struttura in completa sicurezza, visto e considerato il periodo, con macchinari all’avanguardia all’interno della quale lavorano circa 32 dipendenti, dove il mancato riaccreditamento , costringerebbe tanti calabresi che hanno bisogno di questi servizi sanitari a dover emigrare in altre regioni.

Continua a leggere

Area Urbana

Violento incidente a Campagnano. Scontro auto-moto, grave un giovane centauro

Violento l’impatto avvenuto nei pressi delle piscine e che ha scaraventato sull’asfalto il centauro rimasto gravemente ferito

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA –  Grave incidente stradale poco dopo l’ora di pranzo su via Panebianco, nei pressi del ponte di Campagnano e delle piscine comunali. Per cause in corso di accertamento una moto di grossa cilindrata e un’auto, una Fiat 500 guida da una donna, si sono scontrate tra loro. L’auto proveniva da Via Piersanti Mattarella, la moto procedeva su Via Panebianco ed avrebbe tamponato la Fiat 500 anche se la dinamica è al vaglio. Violentissimo l’impatto che ha scaraventato sull’asfalto il centauro rimasto ferito in modo grave e soccorso dal 118 arrivato sul posto insieme ad una pattuglia della polizia.

Si tratta di un giovane, aiutato in prima battuta da alcuni automobilisti e da militari che hanno assistito all’incidente, trasportato in codice rosso all’Annunziata di Cosenza. Anche la donna alla guida dell’auto, sotto shock, è rimasta ferita e trasportata in ospedale, anche se le sue condizioni non destano particolari preoccupazioni e presenta solo alcune contusioni. Per consentire le operazioni di soccorso la strada al momento è chiusa al traffico mentre la polizia municipale sta effettuando tutti i rilievi del caso.

Continua a leggere

Di tendenza