Assalto alla sede della Cgil, da Cosenza il "No allo squadrismo e al terrore" - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Area Urbana

Assalto alla sede della Cgil, da Cosenza il “No allo squadrismo e al terrore”

Si è riunito il Comitato esecutivo della Cisl di Cosenza “è necessario costruire con le istituzioni un patto che metta al centro il lavoro”

Avatar

Pubblicato

il

COSENZA – Si è riunito il Comitato esecutivo della Cisl di Cosenza. I lavori sono stati aperti della relazione del Segretario generale Giuseppe Lavia e conclusi dal Segretario generale della Cisl calabrese Tonino Russo. «Diciamo con forza NO a squadrismo e terrore. Esprimiamo solidarietà e vicinanza alla Cgil per l’assalto alla sede nazionale e andiamo con determinazione verso la manifestazione sindacale unitaria del 16 ottobre per la democrazia e il lavoro», ha esordito il Segretario provinciale Giuseppe Lavia.

«È necessario – ha sottolineato nel corso della sua relazione – costruire insieme a istituzioni e mondo delle imprese e del lavoro un patto che metta al centro il lavoro e la coesione sociale e che si declini sui territori, così da poter cogliere, con progetti e una visione d’insieme, tutte le opportunità offerte dal Pnrr e dal fondo complementare. Per questo è fondamentale costruire le competenze necessarie. Il programma Gol sulle politiche attive del lavoro rappresenta un’importante occasione per realizzare buona formazione e buona occupazione. Ed è necessario – ha evidenziato il Segretario generale della Cisl cosentina – costruire i patti territoriali a livello regionale e i progetti sperimentali a livello territoriale per un vero sistema di politiche attive. Bisogna, inoltre, guardare ad innovazione e digitale per il territorio provinciale per l’intera Calabria. In tale contesto, l’inaugurazione e l’avvio del corso di laurea in Medicina e Tecnologie digitali, frutto di una collaborazione tra Università della Calabria e Università Magna Graecia è la strada da seguire. Un’ottima notizia».

Sul piano interno dell’organizzazione e dell’azione della Cisl, il Segretario provinciale Giuseppe Lavia ha comunicato che sta per partire un’indagine sul tema della rappresentanza, che sarà realizzata dalla Cisl di Cosenza insieme all’Unical, mediante la proposta ai delegati della Cisl di un questionario. L’iniziativa è finalizzata a scegliere priorità e modelli organizzativi per un sindacato continuamente chiamato a rinnovarsi. Inoltre, ha ricordato Lavia, sono in corso le assemblee precongressuali «per una Cisl che sceglie la prossimità e sceglie di esserci per cambiare, per comprendere e interpretare i nuovi bisogni dei lavoratori e dei cittadini. La difesa del lavoro è e resta un punto chiave. Perciò esprimiamo viva preoccupazione per la scadenza del blocco dei licenziamenti prevista per il 30 ottobre e diamo con convinzione il nostro sostegno all’iniziativa unitaria delle categorie delle telecomunicazioni a difesa di 3000 lavoratori in bilico, impegnati nei call center territoriali».

I lavori sono stati conclusi dal Segretario regionale della Cisl Tonino Russo che ha rimarcato la necessità di evitare ogni forma di deriva violenta e di essere in piazza per difendere democrazia e legalità. «Ma serve anche – ha affermato – un confronto immediato su temi centrali: ammortizzatori sociali e tutele, politiche attive, fisco equo e giusto, riforma delle pensioni. E per la Calabria in confronto deve avvenire su tutte le opportunità offerte dal PNRR. È indispensabile, inoltre, una svolta per ricostruire una sanità “normale”, che garantisca il diritto alla salute. L’utilizzo delle risorse del PNRR – ha sottolineato Russo chiudendo il suo intervento – sia orientato verso il lavoro, perché non possiamo permetterci una crescita senza lavoro, e lavoro dignitoso, partendo dal superamento del precariato. Sui temi della crescita, del lavoro, delle infrastrutture e del sociale la Cisl è pronta al confronto con la nuova Giunta Regionale».

Angelo Sposato “un colpo al cuore vedere la Cgil a soqquadro”

“Sono rientrato da Roma in una giornata difficile per tutta la Cgil. Vedere la sede della Cgil Nazionale, la casa dei lavoratori violentata in questo modo è stato un colpo al cuore, mi sono commosso”. Sono le parole del segretario della Cgil Calabria, Angelo Sposato sulla sua pagina socila. Un attimo di smarrimento ma ha prevalso da subito la volontà di andare avanti, di lottare. Le parole di Maurizio Landini sono state piene di determinazione, di messaggi chiari, di passione e forza d’animo. Il prossimo 16 ottobre a Roma ci sarà la manifestazione unitaria di Cgil Cisl Uil contro i fascismi, sarà una giornata storica, di democrazia e libertà . Molto probabilmente non riusciremo a rispondere a tutti i messaggi dalla Calabria giunti dai diversi canali e alle telefonate di vicinanza e solidarietà a tutta la Cgil. Lo facciamo da qui, ringraziandovi tutti per la vicinanza, il sostegno e la solidarietà mostrata presidiando questa mattina le nostre sedi delle Camere del lavoro calabresi.
Ringraziamo le lavoratrici ed i lavoratori, i militanti, i dirigenti, i simpatizzanti, tutti coloro che hanno condiviso con noi una giornata difficile ma che ha rappresentato un momento di forte e sentita unità contro la violenza, i fascismi, gli squadrismi. Aver colpito al cuore il mondo del lavoro ha di fatto unificato la parte sana e maggioritaria del Paese. Forza Nuova è una formazione fascista che va sciolta immediatamente. Ci vediamo sabato 16 a Roma per una giornata storica contro tutti i fascismi. Andremo avanti, insieme, con la forza della ragione per continuare a tenere viva la nostra costituzione, la democrazia e la libertà. Se oggi ognuno di noi respira l’aria fresca della libertà è grazie anche alle lotte e alle conquiste dei lavoratori. W la Cgil.

 

Area Urbana

Cosenza: arrestato in Inghilterra latitante 34enne

Era stato condannato nel 2018 ad una pena di anni 5 e mesi 6 per violenza sessuale, lesioni personali e maltrattamenti in famiglia

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Condannato già in via definitiva in Cassazione ad una pena di anni 5 e mesi 6 per violenza sessuale, lesioni personali e maltrattamenti in famiglia è stato arrestato il 34enne latitante marocchino T. H., rintracciato nella contea inglese di South Yorkshire del Regno Unito.

Il personale della Digos della Questura di Cosenza è riuscito ad arrestare il latitante, già noto alle forze dell’ordine perchè  responsabile di vari reati e appartenente al gruppo “Prendo casa Cosenza”. L’uomo, nel 2018,  era finito agli arresti domiciliari presso l’abitazione della madre, ma poco dopo si era sottratto alla misura rendendosi di fatto irreperibile, fino a far perdere definitivamente le sue tracce. Per questo motivo il Gip ne ha disposto la cattura e durante il processo penale “Prendocasa”, tuttora in corso presso il Tribunale di Cosenza, è stata confermata l’irreperibilità di T. H., giudicandolo latitante.  I poliziotti hanno scoperto che il ricercato si era rifugiato in territorio straniero, passando dalla Francia alla Germania, per finire nel  Regno Unito come profugo, dichiarando una falsa identità e la nazionalità palestinese.

Le autorità inglesi oggi hanno disposto l’estradizione del cittadino marocchino che è stato preso in consegna dalle autorità di Polizia italiane allo scalo aeroportuale di Milano – Linate e trasferito nella Casa Circondariale di Pavia come disposto dall’autorità giudiziarie competente.

Continua a leggere

Area Urbana

Annunziata di Cosenza, utilizzato per la prima volta il verde di indocianina

Si tratta di un colorante che consente di individuare anche le metastasi più piccole di un centimetro

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – All’Annunziata la chirurgia delle metastasi epatiche diventa più sicura, precisa ed efficace. È quanto comunica la stessa Azienda ospedaliera attraverso una nota stampa. “Un colorante – verde di indocianina – iniettato nel paziente per via venosa prima dell’intervento e l’impiego di una telecamera dedicata – è riportato nella nota – permettono di individuare metastasi molto piccole, al di sotto di 1 cm di diametro. La tecnica utilizzata per la prima volta dall’equipe Epatobiliopancreatica e Trapianti – dottori Sebastiano Vaccarisi e Vincenzo Pellegrino – su un paziente già operato per tumore del colon, ha permesso di evidenziare metastasi non rilevate alla TAC ed alla risonanza preoperatoria, e sfuggite, causa la ridottissima dimensione, alla ecografia intraoperatoria comunque eseguita. Nel corso dell’ intervento, reso complesso da una metastasi di grandi dimensioni posta a cavallo delle vene sovraepatiche e da una metastasi a ridosso della colecisti, l’utilizzo di una telecamera ad infrarossi ha messo in evidenza la fluorescenza del verde di indocianina nelle sedi delle metastasi.

Le immagini rilevate sono state proiettate su uno schermo e mappate sulla superficie dell’organo: successivamente, dopo la complessa asportazione delle metastasi maggiori, si è proceduto all’ asportazione delle piccole lesioni, ottenendo una completa bonifica del fegato dalle metastasi. La metodica, concettualmente estremamente semplice, rappresenta un indubbio miglioramento delle condizioni di sicurezza dell’intervento e un evidente vantaggio per il paziente al quale è certamente possibile assicurare la massima radicalità nel trattamento della malattia metastatica, a fronte di un costo particolarmente contenuto della stessa. Dati di letteratura confermano infatti che la possibilità di identificare con l’immunofluerescenza al verde di indocianina in corso di intervento lesioni sfuggite a tutte le altre metodiche di indagine è rilevante e probabilmente si attesta oltre il 40% dei casi, anche se ulteriori studi ed ulteriori conferme si rendono necessari. Il paziente è ancora degente anche se in ottime condizioni di salute: autosufficiente, si alimenta regolarmente, non è stato sottoposto a trasfusione di sangue e presto farà ritorno a casa”.

Continua a leggere

Area Urbana

Cosenza, Franz Caruso su formazione nuova giunta: “nessun incarico prestabilito”

Franz Caruso non commenta le voci che si rincorrono sulla nuova giunta: “mi confronterò con le forze politiche che mi hanno sostenuto e insieme creeremo la squadra”

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Accantonati ormai i festeggiamenti per l’elezioni vinte, il neo sindaco di Cosenza Franz Caruso inizia a rispondere a chi insinua che gli  incarichi siano stati prestabiliti. “Vivo del mio lavoro e ho bisogno di tempo – ha specificato Franz Caruso – sulla composizione della giunta ho una mia idea, non ho intenzione di commentare le voci che si rincorrono. Mi confronterò con le forze politiche che mi hanno sostenuto e insieme creeremo la squadra”. Caruso, avvisa di non aver ancora ricevuto nessuna comunicazione ufficiale da parte della Commissione elettorale ma, aggiunge il neo sindaco, “sarà mia premura informarmi sulle tempistiche. La prima cosa da sapere è la data dell’insediamento in modo da iniziare a programmare il lavoro”. 

 

Continua a leggere

Di tendenza