Denis Bergamini, la svolta arriva dopo 32 anni. Ci sarà un processo per omicidio - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Area Urbana

Denis Bergamini, la svolta arriva dopo 32 anni. Ci sarà un processo per omicidio

Sarà un tribunale a giudicare Isabella Internò, accusata di concorso in omicidio aggravato dalla premeditazione e dai motivi futili

Avatar

Pubblicato

il

COSENZA – Dopo 32 anni ci sarà un processo per la morte di Donato Bergamini, il calciatore del Cosenza morto il 18 novembre 1989 a Roseto Capo Spulico, lungo la strada Statale 106, che due giorni fa avrebbe compiuto 56 anni. Imputata di omicidio è Isabella Internò, oggi 52enne, ex fidanzata di “Denis” e rinviata a giudizio. La decisione è arrivata poco dopo le 14.30 di aggi al termine della terza udienza preliminare dal gup di Castrovillari Fabio Lelio Festa, che ha accolto la richiesta del PM Luca Primiceri. Il legale della donna aveva invece chiesto il non luogo a procedere. La prima udienza del processo è stata fissata per il 25 ottobre prossimo al tribunale di Cosenza.

La vicenda di Donato “Denis” Bergamini, dunque potrebbe essere, finalmente, alla svolta. Per la prima volta, infatti, si andrà in un tribunale a verificare la tesi che da 32 anni sostiene con forza la famiglia del calciatore e la sorella Donata e, cioè, che Denis non si suicidò gettandosi sotto ad un camion, come concluse la prima inchiesta e come ha sempre sostenuto l’ex fidanzata, ma fu ucciso. Il gup di Castrovillari Fabio Lelio Festa, accogliendo la richiesta del pm Luca Primicerio, ha infatti rinviato a giudizio l’ex fidanzata di Bergamini, Isabella Internò per omicidio aggravato dalla premeditazione e dai motivi futili. All’ex fidanzata della calciatore la Procura ha contestato anche le aggravanti come la premeditazione e motivi abietti e futili. Secondo l’accusa, infatti, il movente dell’omicidio sarebbe maturato a seguito della decisione presa da Denis Bergamini di voler interrompere il loro rapporto sentimentale. Dopo averlo narcotizzato e soffocato, secondo l’ipotesi dell’accusa, sarebbe stato simulato un suicidio. Nessun movente legato a droga, soldi, alla malattia cosentina o al calcioscommesse, come si era più volte parlato nei primi anni delle inchieste, ma un movente passionale. La Internò oggi non era presente in aula ed il suo avvocato, Angelo Pugliese, non ha voluto fare commenti. Così come non era presente Donata, la sorella di Denis, alla cui tenacia – sostenuta dall’avvocato Fabio Anselmo – si deve il processo giunto a conclusione della terza inchiesta aperta sulla morte del calciatore di Argenta (Ferrara) e di una storia che sembra infinita.

La prima indagine si concluse con l’assoluzione di Raffaele Pisano, l’autista del camion sotto cui finì Bergamini, dall’accusa di omicidio colposo. All’epoca fu detto che Denis si era gettato sotto il mezzo per suicidarsi dopo un litigio con la Internò con cui si trovava in una piazzola di sosta sulla 106. Una tesi sempre contrastata dalla famiglia di Bergamini ed in particolare da Donata che da allora ha iniziato una battaglia raccogliendo elementi con lo scopo di fare riaprire le indagini. E così è stato una prima volta quando, nel luglio 2011, la Procura di Castrovillari tornò ad indagare sulla morte di Bergamini, anche alla luce di una perizia dei carabinieri del Ris di Messina secondo i quali Bergamini era già morto quando finì sotto al camion. Sia la Internò che Pisano finirono sul registro degli indagati: la prima per omicidio ed il secondo per favoreggiamento e false dichiarazioni. L’inchiesta però finì con un nulla di fatto. La stessa Procura, infatti, nel dicembre del 2014 chiese l’archiviazione per entrambi che giunse il primo dicembre 2015. Donata non si arrese e insieme all’avvocato Fabio Anselmo tornò a chiedere la riapertura delle indagini nel 2017 trovando ascolto nell’allora procuratore di Castrovillari, Eugenio Facciolla. Quest’ultimo fece riesumare il corpo e gli esami fecero emergere quelle che furono definite “incongruenze” con l’autopsia effettuata all’epoca della morte. Una perizia disposta dai pm giunse poi alla conclusione che Bergamini era morto “per soffocamento”.

Agli atti del fascicolo delle indagini che adesso hanno portato al rinvio a giudizio c’è anche un’informativa della sezione di Pg della Polizia alla Procura di Castrovillari, nella quale si afferma che “l’evolversi dell’attività di indagine e le risultanze emerse hanno impietosamente fatto emergere come l’omicidio di Donato Bergamini sia maturato nell’ambiente strettamente familiare di Isabella Internò e che le dinamiche scatenanti il fatto delittuoso siano da ricercare nella tormentata relazione sentimentale tra la vittima e Isabella Internò e la fine del rapporto stesso”. Il processo, che inizierà il 25 ottobre prossimo, però, potrebbe non essere l’atto conclusivo. La Internò, infatti, è stata rinviata a giudizio per concorso in omicidio. Secondo la Procura e gli investigatori dunque, la donna non era sola quando Bergamini morì. Chi fossero quelle eventuali altre presenze per adesso è un mistero. Chissà se il processo contribuirà a fare chiarezza, oltre che sulle eventuali responsabilità di Isabella Internò, anche su questo aspetto.

Anselmo “il gup ha accolto tutte le nostre tesi”

“Il primo pensiero è che, purtroppo qui, non c’è Donata Bergamini e questo per me è fonte veramente di grande dispiacere perché è un momento fondamentale, una grande soddisfazione professionale e a lei voglio dire solo Donata ce l’abbiamo fatta”. Sono state queste le prime dichiarazioni del legale della famiglia Bergamini Fabio Anselmo, commentando la decisione del Gup di Castrovillari. “Questo – ha aggiunto il legale – è un processo di donne. Donna è l’imputata, donna è la vittima di questa terribile vicenda che sta durando da 32 anni e donne sono le mie collaboratrici di studio, l’avvocata Alessandra Pisa e l’avvocata Silvia Galeone, che hanno preso a cuore questa vicenda e hanno saputo trovare tutti gli elementi per poterci consentire di portare, finalmente, a Donata questa notizia, cioè che Isabella Internò verrà processata per omicidio volontario pluriaggravato. Questo è fondamentale. Il giudice ha accolto tutte le nostre tesi per quanto riguarda le eccezioni sull’utilizzabilità delle intercettazioni telefoniche, dei verbali degli interrogatori Internò e di quant’altro. La mia soddisfazione personale e professionale, ma soprattutto personale, è grande. Donata, io mi rivolgo a te, ce la abbiamo fatta”.

“Per arrivare qui, al processo – ha detto l’avv. Anselmo – è servita la determinazione, credere nella giustizia, una giustizia purtroppo incredibilmente lenta. Se oggi siamo qui dobbiamo ringraziare il procuratore della Repubblica di Castrovillari del 1989, dobbiamo ringraziare anche il procuratore Eugenio Facciolla che accolse e fece sue le nostre tesi e ci credette in quest’inchiesta e riuscì a ottenere la riapertura del caso e dobbiamo ringraziare il dottor Primicerio che ha fatto suo questo caso pur non avendolo vissuto dall’inizio ed è riuscito ad impadronirsi della vicenda facendo un lavoro veramente immane. Senza questi due ultimi uomini, perché la giustizia è degli uomini, noi non saremmo andati da nessuna parte, come non saremmo andati da nessuna parte senza la determinazione di Donata Bergamini, della sua famiglia e di Domizio che oggi non c’è più purtroppo“.

Area Urbana

Pd, Commissione garanzia “valuteremo i fatti avvenuti a Cosenza”

Così la Commissione regionale di Garanzia, riunita con i Presidenti della Commissioni Provinciali dopo lo scontro verbale e il successivo video postato sui social

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – “La Commissione regionale di Garanzia, riunita con i Presidenti della Commissioni Provinciali, riconferma, in modo assoluto, il suo ruolo di garante della gestione e del monitoraggio delle procedure di tesseramento, della democrazia interna del partito e di selezione, sulla base di quanto previsto dallo Statuto e dal Codice etico, delle richieste di iscrizione. La commissione procederà ad esaminare con estrema attenzione gli avvenimenti accaduti giovedì 25 novembre nel corso dell‘assemblea degli iscritti di Cosenza per valutarne le conseguenze. Ringrazia il Presidente Italo Reale per il comportamento composto che ha reso omaggio al ruolo di noi tutti, esprime disapprovazione per ciò che risulta dal video che ha libera circolazione in tutta la Calabria ed esprime disappunto per le parole espresse contro la Cittadinanza di Sambiase”. E’ quanto si legge in una nota della stessa Commissione dopo lo scontro verbale verificatosi nel corso dell’assemblea degli iscritti di Cosenza e il successivo video postato sui social.

Continua a leggere

Area Urbana

Piove nella scuola materna di Via Negroni. Bimbi rimandati a casa

Infiltrazioni d’acqua dal soffitto della scuola a causa delle forti piogge registrate negli ultimi giorni

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – A causa delle forti piogge che da giorni si stanno abbattendo su tutto il cosentino, i vigili del fuoco sono dovuti intervenire nella scuola dell’infanzia “Natalia Ginzburg” di via Negroni a Cosenza, per effettuare un controllo dopo che, nel plesso scolastico, si sono registrate delle infiltrazioni dal soffitto. L’acqua, in particolare, ha iniziato a cadere all’interno dei bagni della scuola. Per precauzione tutti i genitori sono stati invitati ad andare a prendere i propri figli, mentre i vigili del fuoco stanno effettuando un controllo accurato nel plesso. Alcuni genitori hanno evidenziato che non è la prima volta che succede e che da diverso tempo hanno segnalato la problematica al Comune di Cosenza.

Continua a leggere

Area Urbana

Rende, violento scontro sulla Statale 107 a Piano Monello. Due feriti

Sarebbero al momento due le persone rimaste ferite, una in condizioni gravi. Al momento la statale 107 è chiusa

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

RENDE (CS) – Un brutto incidente è avvenuto questo pomeriggio sulla Statale 107 nel territorio di Rende. Forse a causa delle cattive condizioni del tempo e della forte pioggia che da giorni non da tregua a tutto il cosentino, due auto (una Citroen C5 e una Fiat Stilo) si sono scontrate in modo violento sul rettilineo si si trova poco prima dell’ingresso per Piano Monello al km 26,100. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco e i sanitari del 118 che hanno trasportato in ospedale due persone rimaste ferite. Una di queste, estratta dalle lamiere contorte dai vigili del fuoco, sembrerebbe in modo grave.

Al momento la Statale 107 è bloccata in entrambe le direzioni per permettere i rilievi e la rimozione dei veicoli incidentati che hanno invaso entrambe le carreggiate. Presenti sul posto anche la polizia stradale e personale dell’Anas, per il ripristino delle normali condizioni di sicurezza della sede stradale.

Continua a leggere

Di tendenza