Oltre 100 comuni del cosentino senza guardia medica. Guccione "sbloccate le assunzioni" - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Area Urbana

Oltre 100 comuni del cosentino senza guardia medica. Guccione “sbloccate le assunzioni”

Guccione “pubblicato il decreto dirigenziale. l’Asp di Cosenza è nelle condizioni di poter procedere alle assunzioni a tempo indeterminato”

Avatar

Pubblicato

il

COSENZA – Si blocca finalmente l’empasse sul servizio di guardia medica nei comuni della provincia di Cosenza. Erano oltre un centinaio quelli senza assistenza sanitaria. Come ha evidenziato in una nota del consigliere regionale del Pd Carlo Guccione, “lo scorso 23 luglio avevamo denunciato che, per responsabilità della Regione Calabria, migliaia di cittadini della provincia di Cosenza erano stati lasciati senza assistenza sanitaria a causa della mancata pubblicazione del decreto della Giunta regionale con l’individuazione delle zone carenti di continuità assistenziale (Guardia medica) individuate dall’Asp di Cosenza e Catanzaro. Ieri finalmente è stato pubblicato il decreto dirigenziale numero 7705 del 26/07/2021 che dispone la pubblicazione degli incarichi vacanti di continuità assistenziale individuati dall’Asp di Cosenza e di Catanzaro per gli anni 2017-2018-2019-2020.
Si chiude così l’ultimo atto di una vicenda tanto grave quanto paradossale. Oltre 100 Comuni della provincia di Cosenza non avevano il servizio della Guardia medica; sono in totale 123 e complessivamente 410 gli incarichi di assunzione di medici di 24 ore settimanali a tempo indeterminato che oggi possono essere attivati dopo la pubblicazione del decreto della Giunta regionale. Ora, infatti, l’Asp di Cosenza è nelle condizioni di poter procedere alle assunzioni a tempo indeterminato di centinaia di medici in modo da coprire le postazioni di Guardia medica sguarniti”.

“Migliaia e migliaia di cittadini che vivono nelle aree interne – scrive ancora Guccione – potranno ricevere la giusta assistenza sanitaria. Un obiettivo importante sia in termini occupazionali, con l’assunzione di medici a tempo indeterminato, che in termini sanitari, con il potenziamento della medicina territoriale e una maggiore garanzia dei Livelli essenziali di assistenza. Un obiettivo, tra l’altro, previsto all’interno di una delle missioni del Piano nazionale di Ripresa e Resilienza che mira a potenziare l’assistenza territoriale attraverso l’assistenza di prossimità e la telemedicina, prevedendo ospedali di comunità e case di comunità (una ogni 20 mila abitanti). In particolare, l’assistenza domiciliare mira a curare a casa oltre il 10 per cento degli over 65, oggi in Calabria siamo al di sotto del 2 per cento. Ora chiediamo all’Asp di Cosenza di accelerare le procedure, velocizzare i tempi e di avviare al più presto l’iter delle assunzioni a tempo indeterminato per la copertura delle postazioni di Guardia medica”.

Area Urbana

In Sila vaccinati i profughi afghani ospiti delle strutture militari

Vaccinati anche i bambini dai 12 anni in su che hanno accolto con entusiasmo i sanitari

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Sono stati vaccinati con la prima dose di Pfizer cinquanta afghani, che risiedono nelle strutture militari della Sila cosentina. Non solo uomini e donne, ma anche ragazzi dai 12 anni in su, così come previsto dalle disposizioni del Governo. Ad eseguire la somministrazione nell’ambito di un’apposita campagna vaccinale, il team mobile dell’Esercito Italiano in collaborazione con l’USCA di Cosenza che, con l’attività di ieri, ha terminato le vaccinazioni a domicilio iniziate il 16 giugno scorso. Alcuni profughi afghani ospitati nelle strutture cosentine, non si sono sottoposti al vaccino perchè, prima del loro arrivo in Italia, avevano già contratto la malattia o gli è stato inoculato il vaccino indiano Covaxin.

All’arrivo del team medico, entusiasti i bambini che hanno accolto i sanitari con gioia e sorrisi cercando anche di scambiare e imparare da loro qualche parola in italiano, così da poter iniziare una nuova vita e integrarsi al meglio nella comunità che li ospita.

Continua a leggere

Area Urbana

“Il nuovo ospedale all’Unical. Diventerà un policlinico universitario di altissimo livello”

Il candidato a sindaco “Annunziata, Inrca e Mariano Santo ristrutturati e destinati alla cronicità e alla diagnostica”

Marco Belmonte

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – “Lo stato attuale in cui versa la sanità cittadina e regionale è sotto gli occhi di tutti. Un candidato a sindaco di una città importante qual è Cosenza, come massima autorità, deve occuparsi da subito di questa problematica che si trascina da anni e che ha portato ad un drammatico commissariamento. La nostra proposta è quella di realizzare il nuovo presidio ospedaliero nell’area dell’università della Calabria. Questa proposta, se realizzata, significa poter creare, per la prima volta all’interno della provincia di Cosenza, un policlinico universitario di altissimo livello, ricordando che la nostra è la prima provincia della Calabria con un bacino di utenza di 800 mila abitanti”.

A dirlo è i candidato a sindaco della città Francesco Pichierri che spiega “dinanzi a questa realtà, ritengo che si debba avere un diverso approccio rispetto alla collocazione e alla realizzazione del nuovo presidio ospedaliero di Cosenza. Molti affrontano il problema delle nuove strutture sanitarie non considerando che, come emerso da diversi studi scientifici, da qui al 2030 in Italia avremo circa venti milioni di anziani e pazienti cronici. Per cui bisogna distinguere fra strutture dedicate alla cura delle cronicità, strutture dedicate alle emergenze e alla cura delle acuzie. Su questo tema  – aggiunge il candidato a sindaco – non ho dubbi e sono convinto che debba cadere ogni forma di campanilismo e di interesse di parte, considerando, oltretutto, che Cosenza e Rende dovranno nel prossimo futuro conturbarsi”.

Cura dei cittadini non ha barriere

La cura dei cittadini non può avere bandiere, per tali ragioni è necessario che il vecchio ospedale dell’Annunziata, unitamente al presidio ospedaliero del Mariano Santo e dell’Istituto di ricerca per gli anziani (INRCA), debbano essere ristrutturati e destinati alla cronicità ed alla diagnostica che dovrà completarsi con le tecnologie più avanzate; mentre, come ho sempre immaginato, il nuovo Ospedale per acuzie dovrà essere dislocato nell’area dell’Università della Calabria, per diventare un policlinico universitario di altissimo livello. Tale opportunità sarebbe di portata storica, non solo per gli studenti della provincia di Cosenza, ma per l’intero Mezzogiorno d’Italia. A tal punto – conclude Picchierri – , mi piace sottolineare che ai cosentini interessa un Ospedale che funzioni, non certo un Ospedale sotto casa e che non garantisca i Livelli Essenziali di Assistenza”.

Continua a leggere

Area Urbana

Cosenza, la candidata Bianca Rende incontra i cittadini di via Popilia

Prosegue la campagna elettorale della candidata. Una nuova occasione di dialogo è stata fissata per domani 16 settembre alle 18

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Viabilità, degrado urbano, incuria, marginalizzazione. Questi i temi toccati nel corso dell’incontro di ieri con le cittadine e i cittadini di via Popilia, all’interno di un contesto quale quello dell’arena di largo Francesco Midulla, che ben racconta lo stato di abbandono e di trascuratezza nel quale l’amministrazione uscente ha abbandonato il quartiere più popoloso della città.  Un quartiere verso il quale tutti i punti del programma di #Cosenzacresceinsieme con #BiancaRendesindaca troveranno terreno di realizzazione, sperimentazione e valutazione partecipata.

Ripensare la viabilità, la mobilità, la digitalizzazione dei servizi, il piano degli orari, del verde, del recupero e rifunzionalizzazione del patrimonio abitativo, del sostegno alla istruzione, cultura e professionalizzazione delle fasce di residenti fuori dal mercato del lavoro, etc., trova in questa importante porzione di città il suo decisivo terreno di progettazione, programmazione, sviluppo.

“Recepire le idee che arrivano da chi il quartiere lo vive quotidianamente – ha concluso Rende – è senz’altro il punto di partenza per costruire una città che sia lo specchio delle nostre e delle vostre esigenze”. Il ruolo della nostra coalizione è di fare presto di Cosenza un progetto di inclusione dei ceti e settori finora marginalizzati, valorizzando il contributo delle donne, dei giovani, del terzo settore, ricucendo le separazioni -tra i quartieri, le fasce sociali, l’accesso alle opportunità- in un’ottica di città pienamente integrata. Una nuova occasione di dialogo è stata fissata per domani 16 settembre alle 18, con un  incontro tra il comitato di quartiere di via delle Medaglie d’oro e la coalizione Cosenza cresce insieme.

Continua a leggere

Di tendenza