Annunziata, ampliate le prestazioni di cardiologia invasiva - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Area Urbana

Annunziata, ampliate le prestazioni di cardiologia invasiva

Eseguite due procedure di riparazione della valvola mitrale con insufficienza severa, su pazienti con grave scompenso cardiaco

Avatar

Pubblicato

il

COSENZA – L’equipe di Cardiologia interventista dell’Annunziata, diretta dal dr Francesco Greco, amplia le prestazioni di Cardiologia Invasiva e per la prima volta esegue due procedure di riparazione della valvola mitrale con insufficienza severa, su pazienti con grave scompenso cardiaco. È quanto comunica la direzione dell’Azienda ospedaliera.

Da oggi anche l’Hub di Cosenza – come il Mater Domini di Catanzaro – esegue interventi di MitraClip. I pazienti, due maschi il cui decorso post operatorio è proceduto ottimamente, sono stati operati – uno dei due già dimesso – con metodica transcatetere, una tecnica mininvasiva di riparazione della valvola mitrale per via percutanea – senza apertura di del torace – che consente l’introduzione, attraverso l’inserimento di una sonda per via femorale, di una piccola clip che diminuisce l’apertura della valvola, riducendo sensibilmente il rigurgito mitralico.
L’intervento è stato eseguito in anestesia generale; i paziente sono in dimissione dopo pochi giorni. “Gli interventi – ha spiegato il dr Greco – sono stati eseguiti dopo attenta valutazione in Heart Team che ha definito l’elevato rischio della sostituzione chirurgica tradizionale della valvola mitrale. Questo tipo di intervento è un’opzione terapeutica alternativa all’intervento cardiochirurgico convenzionale che ci consente di intervenire anche su pazienti per i quali è sconsigliato altro tipo di intervento cardiochirugico a causa di elevato rischio operatorio per comorbilità, età avanzata o severa disfunzione ventricolare sinistra”.

Area Urbana

In Sila vaccinati i profughi afghani ospiti delle strutture militari

Vaccinati anche i bambini dai 12 anni in su che hanno accolto con entusiasmo i sanitari

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Sono stati vaccinati con la prima dose di Pfizer cinquanta afghani, che risiedono nelle strutture militari della Sila cosentina. Non solo uomini e donne, ma anche ragazzi dai 12 anni in su, così come previsto dalle disposizioni del Governo. Ad eseguire la somministrazione nell’ambito di un’apposita campagna vaccinale, il team mobile dell’Esercito Italiano in collaborazione con l’USCA di Cosenza che, con l’attività di ieri, ha terminato le vaccinazioni a domicilio iniziate il 16 giugno scorso. Alcuni profughi afghani ospitati nelle strutture cosentine, non si sono sottoposti al vaccino perchè, prima del loro arrivo in Italia, avevano già contratto la malattia o gli è stato inoculato il vaccino indiano Covaxin.

All’arrivo del team medico, entusiasti i bambini che hanno accolto i sanitari con gioia e sorrisi cercando anche di scambiare e imparare da loro qualche parola in italiano, così da poter iniziare una nuova vita e integrarsi al meglio nella comunità che li ospita.

Continua a leggere

Area Urbana

“Il nuovo ospedale all’Unical. Diventerà un policlinico universitario di altissimo livello”

Il candidato a sindaco “Annunziata, Inrca e Mariano Santo ristrutturati e destinati alla cronicità e alla diagnostica”

Marco Belmonte

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – “Lo stato attuale in cui versa la sanità cittadina e regionale è sotto gli occhi di tutti. Un candidato a sindaco di una città importante qual è Cosenza, come massima autorità, deve occuparsi da subito di questa problematica che si trascina da anni e che ha portato ad un drammatico commissariamento. La nostra proposta è quella di realizzare il nuovo presidio ospedaliero nell’area dell’università della Calabria. Questa proposta, se realizzata, significa poter creare, per la prima volta all’interno della provincia di Cosenza, un policlinico universitario di altissimo livello, ricordando che la nostra è la prima provincia della Calabria con un bacino di utenza di 800 mila abitanti”.

A dirlo è i candidato a sindaco della città Francesco Pichierri che spiega “dinanzi a questa realtà, ritengo che si debba avere un diverso approccio rispetto alla collocazione e alla realizzazione del nuovo presidio ospedaliero di Cosenza. Molti affrontano il problema delle nuove strutture sanitarie non considerando che, come emerso da diversi studi scientifici, da qui al 2030 in Italia avremo circa venti milioni di anziani e pazienti cronici. Per cui bisogna distinguere fra strutture dedicate alla cura delle cronicità, strutture dedicate alle emergenze e alla cura delle acuzie. Su questo tema  – aggiunge il candidato a sindaco – non ho dubbi e sono convinto che debba cadere ogni forma di campanilismo e di interesse di parte, considerando, oltretutto, che Cosenza e Rende dovranno nel prossimo futuro conturbarsi”.

Cura dei cittadini non ha barriere

La cura dei cittadini non può avere bandiere, per tali ragioni è necessario che il vecchio ospedale dell’Annunziata, unitamente al presidio ospedaliero del Mariano Santo e dell’Istituto di ricerca per gli anziani (INRCA), debbano essere ristrutturati e destinati alla cronicità ed alla diagnostica che dovrà completarsi con le tecnologie più avanzate; mentre, come ho sempre immaginato, il nuovo Ospedale per acuzie dovrà essere dislocato nell’area dell’Università della Calabria, per diventare un policlinico universitario di altissimo livello. Tale opportunità sarebbe di portata storica, non solo per gli studenti della provincia di Cosenza, ma per l’intero Mezzogiorno d’Italia. A tal punto – conclude Picchierri – , mi piace sottolineare che ai cosentini interessa un Ospedale che funzioni, non certo un Ospedale sotto casa e che non garantisca i Livelli Essenziali di Assistenza”.

Continua a leggere

Area Urbana

Cosenza, la candidata Bianca Rende incontra i cittadini di via Popilia

Prosegue la campagna elettorale della candidata. Una nuova occasione di dialogo è stata fissata per domani 16 settembre alle 18

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Viabilità, degrado urbano, incuria, marginalizzazione. Questi i temi toccati nel corso dell’incontro di ieri con le cittadine e i cittadini di via Popilia, all’interno di un contesto quale quello dell’arena di largo Francesco Midulla, che ben racconta lo stato di abbandono e di trascuratezza nel quale l’amministrazione uscente ha abbandonato il quartiere più popoloso della città.  Un quartiere verso il quale tutti i punti del programma di #Cosenzacresceinsieme con #BiancaRendesindaca troveranno terreno di realizzazione, sperimentazione e valutazione partecipata.

Ripensare la viabilità, la mobilità, la digitalizzazione dei servizi, il piano degli orari, del verde, del recupero e rifunzionalizzazione del patrimonio abitativo, del sostegno alla istruzione, cultura e professionalizzazione delle fasce di residenti fuori dal mercato del lavoro, etc., trova in questa importante porzione di città il suo decisivo terreno di progettazione, programmazione, sviluppo.

“Recepire le idee che arrivano da chi il quartiere lo vive quotidianamente – ha concluso Rende – è senz’altro il punto di partenza per costruire una città che sia lo specchio delle nostre e delle vostre esigenze”. Il ruolo della nostra coalizione è di fare presto di Cosenza un progetto di inclusione dei ceti e settori finora marginalizzati, valorizzando il contributo delle donne, dei giovani, del terzo settore, ricucendo le separazioni -tra i quartieri, le fasce sociali, l’accesso alle opportunità- in un’ottica di città pienamente integrata. Una nuova occasione di dialogo è stata fissata per domani 16 settembre alle 18, con un  incontro tra il comitato di quartiere di via delle Medaglie d’oro e la coalizione Cosenza cresce insieme.

Continua a leggere

Di tendenza