"Abitare l'inabitabile" chiusa nel centro storico la settimana di formazione permanente - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Area Urbana

“Abitare l’inabitabile” chiusa nel centro storico la settimana di formazione permanente

Conclusa nel centro storico di Cosenza l’iniziativa promossa da DISPeS Unical e Università ROMA 3 dal titolo “Abitare l’inabitabile”

Marco Belmonte

Pubblicato

il

COSENZA – Terminata la Summer school, organizzata da DISPeS (Unical), Master Environmental Humanities (Roma Tre), e Stalker, che si è  svolta questa settimana all‘interno del Centro storico di Cosenza tra lezioni, laboratori e momenti di convivenza dedicati alla costruzione di nuovi discorsi, conoscenze e possibilità che raccontino la città in modi diversi da quelli critici che sono consueti, confrontandosi direttamente con le sensibilità e le iniziative della società locale. L’obiettivo generale della Scuola di formazione permanente è stato quello di costruire un nuovo ideale, più sostenibile, di città per stimolare processi di co-progettazione capaci di rafforzare i diritti e il potenziale locale attraverso il rilancio sostenibile e intelligente delle sue risorse culturali, architettoniche e ambientali. Con l’intento di “promuovere la conoscenza del centro storico di Cosenza attraverso nuovi punti di osservazione, in vista di un radicale cambio di mentalità e narrazione della città”. Evento che ha visto protagonisti studenti e docenti delle varie facoltà, insieme a tutte le associazioni che animano la città vecchia: Comitato Piazza Piccola, Associazione di Volontariato San Pancrazio, GAIA Galleria Arte Indipendente Autogestita, FEM.IN. Cosentine in lotta, La Terra di Piero, Prendocasa Cosenza, Radio Ciroma 105.7 – Cosenza.

San Lucia, dove il crollo è quotidiano

Dopo il dibattito svolto in piazza Santa Lucia, che ha visto coinvolte le varie realtà che animano il centro storico. Residenti, studenti e docenti hanno intrapreso un giro itinerante tra crolli, degrado e l’abbandono del centro storico. L’associazione Lupiambiente ODV, che ha censito e mappato tutti gli edifici a rischio crollo, fatto da guida tra gli edifici ancora pericolanti e stradine utilizzando la mappa dei crolli come guida, lasciando degli striscioni creati dai vari laboratori e creando un vero è proprio museo del crollo all’aperto con date e caratteristiche storiche dei crolli e degli edifici. La situazione, oramai cronica, è  sotto gli occhi di tutti. In piazza Santa Lucia si notano gli edifici completamente rasi al suolo dopo l’ultima demolizione da parte del comune. Immondizia e rifiuti presenti all’interno degli edifici demoliti sono rimasti accatastati  al centro della piazza in quelle che è una vera e propria una discarica a cielo aperto.
Ma il calore e l’accoglienza dei cittadini del centro storico hanno subito fatto cambiare umore ai ragazzi ospiti dell’iniziative e non sono mancate i cenni storici da parte dei residenti in particolare in Via del Seggio e Via Casini che hanno accolto calorosamente gli studenti con un rinfresco spontaneo. A breve gli studenti realizzeranno un giornale dove si parlerà sullo status della città vecchia dal titolo provocatorio “Il Crollo Quotidiano”. Perché la vergogna dei crolli possa trasformarsi in punto di incontro e partenza per una nuova elaborazione collettiva.

Area Urbana

In Sila vaccinati i profughi afghani ospiti delle strutture militari

Vaccinati anche i bambini dai 12 anni in su che hanno accolto con entusiasmo i sanitari

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Sono stati vaccinati con la prima dose di Pfizer cinquanta afghani, che risiedono nelle strutture militari della Sila cosentina. Non solo uomini e donne, ma anche ragazzi dai 12 anni in su, così come previsto dalle disposizioni del Governo. Ad eseguire la somministrazione nell’ambito di un’apposita campagna vaccinale, il team mobile dell’Esercito Italiano in collaborazione con l’USCA di Cosenza che, con l’attività di ieri, ha terminato le vaccinazioni a domicilio iniziate il 16 giugno scorso. Alcuni profughi afghani ospitati nelle strutture cosentine, non si sono sottoposti al vaccino perchè, prima del loro arrivo in Italia, avevano già contratto la malattia o gli è stato inoculato il vaccino indiano Covaxin.

All’arrivo del team medico, entusiasti i bambini che hanno accolto i sanitari con gioia e sorrisi cercando anche di scambiare e imparare da loro qualche parola in italiano, così da poter iniziare una nuova vita e integrarsi al meglio nella comunità che li ospita.

Continua a leggere

Area Urbana

Cosenza, la candidata Bianca Rende incontra i cittadini di via Popilia

Prosegue la campagna elettorale della candidata. Una nuova occasione di dialogo è stata fissata per domani 16 settembre alle 18

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Viabilità, degrado urbano, incuria, marginalizzazione. Questi i temi toccati nel corso dell’incontro di ieri con le cittadine e i cittadini di via Popilia, all’interno di un contesto quale quello dell’arena di largo Francesco Midulla, che ben racconta lo stato di abbandono e di trascuratezza nel quale l’amministrazione uscente ha abbandonato il quartiere più popoloso della città.  Un quartiere verso il quale tutti i punti del programma di #Cosenzacresceinsieme con #BiancaRendesindaca troveranno terreno di realizzazione, sperimentazione e valutazione partecipata.

Ripensare la viabilità, la mobilità, la digitalizzazione dei servizi, il piano degli orari, del verde, del recupero e rifunzionalizzazione del patrimonio abitativo, del sostegno alla istruzione, cultura e professionalizzazione delle fasce di residenti fuori dal mercato del lavoro, etc., trova in questa importante porzione di città il suo decisivo terreno di progettazione, programmazione, sviluppo.

“Recepire le idee che arrivano da chi il quartiere lo vive quotidianamente – ha concluso Rende – è senz’altro il punto di partenza per costruire una città che sia lo specchio delle nostre e delle vostre esigenze”. Il ruolo della nostra coalizione è di fare presto di Cosenza un progetto di inclusione dei ceti e settori finora marginalizzati, valorizzando il contributo delle donne, dei giovani, del terzo settore, ricucendo le separazioni -tra i quartieri, le fasce sociali, l’accesso alle opportunità- in un’ottica di città pienamente integrata. Una nuova occasione di dialogo è stata fissata per domani 16 settembre alle 18, con un  incontro tra il comitato di quartiere di via delle Medaglie d’oro e la coalizione Cosenza cresce insieme.

Continua a leggere

Area Urbana

Cosenza, scoppia una lite tra condomini. Interviene la polizia

Dopo aver sentito le urla, sono stati residenti e passanti ad avvertire le forze dell’ordine intervenute per una lite condominiale

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Francesco Greco

COSENZA – Sono state le urla di una donna a richiamare l’attenzione di passanti e residenti che hanno avvertito subito le forze dell’ordine. Due volanti della squadra mobile sono intervenute nel pomeriggio di oggi in via Idria, traversa di Via Montesanto in pieno centro città a seguito di una lite scoppiata tra alcuni condomini per futili motivi. Sul posto è giunta un’ambulanza della Misericordia che ha soccorso e accompagnato in ospedale un uomo che ha accusato un lieve malore a seguito di un attacco di panico. Entrati nel palazzo gli agenti hanno calmato gli animi dei presenti e riportato la situazione alla normalità.

Continua a leggere

Di tendenza