In pellegrinaggio da Milazzo a Padova. Sosta alla “Casa della Speranza” di Donnici - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Area Urbana

In pellegrinaggio da Milazzo a Padova. Sosta alla “Casa della Speranza” di Donnici

Arriva alla “Casa della speranza” di Donnici, compreso nel percorso del “Cammino di Sant’Antonio” il primo pellegrino portoghese

Avatar

Pubblicato

il

COSENZA – È atteso nel pomeriggio di oggi a Donnici, frazione di Cosenza il primo Pellegrino del “Cammino di Sant’Antonio da Padova”. Giorgio, questo il nome del Pellegrino proveniente dal Portogallo, è partito da Milazzo e, seguendo il cammino  fatto 800 anni fa da Sant’Antonio, ha intenzione di raggiungere Padova. Fermento e attesa nella Comunità Parrocchiale di Donnici per ricevere il Pellegrino che sarà accolto dalla Comunità ed ospitato nella “Casa della Speranza”, capace di dare ospitalità a gruppi di pellegrini fino a 22 persone, realizzata nell’ambito del “Villaggio della Speranza”, che sta sorgendo nel suggestivo Borgo di Donnici Superiore e che aspira a diventare un interessante “Centro di Spiritualità”, anche con il ripristino di un antico percorso naturalistico.

Il Pellegrino Giorgio, come detto, sta effettuando l’itinerario che 800 anni orsono, Sant’Antonio da Padova, naufragato a Milazzo, ha percorso per raggiungere Assisi dove ha incontrato San Francesco, partecipando al Capitolo delle Stuoie”. Donnici è compreso nel percorso del “Cammino di Sant’Antonio”, che attraversa tutta la Calabria e che ha, anche, ottenuto il “riconoscimento” da parte della Giunta Regionale della Calabria. A Donnici Superiore, fra l’altro, è sentita la devozione a Sant’Antonio da Padova, venerato nella Chiesa dell’Assunta che sarà parte integrante del richiamato “Villaggio della Speranza”, unitamente, alla “Casa della Speranza”, ad un’Aula Liturgica, ad un salone con palco di 80 posti ed a locali dove sono in fase di realizzazione una “cereria” ed una “birreria”, sorte nell’ambito delle iniziative che sta portando avanti l’Associazione “Viandanti di Dio”, nata da una intuizione maturata, a partire dal 2017, nella Parrocchia di San Michele Arcangelo di Donnici, partendo dall’analisi del momento storico che stiamo vivendo e che risponde alla parola di Gesù “…..Venite a me voi tutti affaticati e stanchi e io vi ristorerò ….(Mt. 11,28)”.

Tornando al “Cammino di Sant’Antonio”, un nutrito numero di “Pellegrini”, lo scorso 12 giugno, alla vigilia della Festa del Santo, celebrata con solennità anche a Donnici Superiore, ha percorso a piedi un tratto dello stesso, partendo da Cellara per arrivare a Donnici Superiore dove, oltre alla cerimonia con la partecipazione dei Responsabili calabresi del “Cammino” che di fatto ha ufficializzato la “tappa” di Donnici anche con l’apposizione delle necessarie targhe che indicano il percorso, era previsto il transito del ripristinato percorso naturalistico denominato, non a caso, della “Speranza”, non potuto fare, però, a causa di intervenute avverse condizioni atmosferiche. L’auspicio è che il “Villaggio della Speranza”, forte anche del fatto che si trova nell’itinerario del “Cammino di Sant’Antonio”, possa diventare meta di chi voglia ritemprarsi nello spirito.

Cosenza

Cosenza: “Librincomune”, presentato “Quando c’era la politica” di Filippo Veltri

Filippo Veltri, nel suo libro scrive di una necessità di ritornare alla politica e questo può avvenire se c’è una partecipazione attiva

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – “Quando c’era la politica”, è il libro presentato nell’ambito dell’ormai consueto appuntamento “Librincomune”, iniziativa promossa dall’amministrazione comunale bruzia. Nel libro, scritto da Filippo Veltri, giornalista, profondo conoscitore della politica calabrese, ed ex responsabile di Ansa Calabria, si parla di una necessità di ritornare alla politica e questo può avvenire se c’è una partecipazione attiva.

Ma c’è di più, soprattutto per quanto riguarda la Calabria, perché nel libro sono svariati gli esempi di una mancanza del senso della politica, uno su tutti, quando Veltri parla di voti congelati e scongelati, vale a dire, “ogni cinque anni si scongelano i voti a prescindere dalle appartenenze, dalle ideologie e dagli schieramenti politici e vengono utilizzati per premiare il parente, il congiunto del politico di turno. Per questo non possiamo lamentarci – conclude Veltri – se dilaga il populismo in politica”.

Continua a leggere

Area Urbana

Cosenza, restauro monumentale di San Domenico: pubblica la gara per assegnazione lavori

I lavori previsti riguardano il consolidamento strutturale, il recupero ed il restauro di alcune parti dell’edificio, al fine di garantirne e migliorarne la fruizione

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Il complesso monumentale di San Domenico sarà presto interessato da un significativo intervento di restauro che si inquadra negli interventi previsti dal CIS “Cosenza Centro Storico”. A tal proposito, l’Amministrazione comunale guidata dal Sindaco Franz Caruso, attraverso il suo consigliere delegato Francesco Alimena e il Settore 11 – Protezione Civile, Salvaguardia, messa in sicurezza e valorizzazione del Centro Storico, Programmi CIS – Cosenza e Agenda Urbana, ha pubblicato il bando di gara europea a procedura telematica aperta per l’affidamento di servizi tecnici riguardanti l’architettura e l’ingegneria relativi proprio al restauro del Complesso di San Domenico.

I lavori previsti riguardano il consolidamento strutturale, il recupero ed il restauro di alcune parti dell’edificio, al fine di garantirne e migliorarne la fruizione. Entrando più nello specifico, le singole unità d’intervento comprendono alcuni ambiti claustrali del complesso monastico che non sono stati già interessati da un primo intervento realizzato in precedenza.

L’operazione proposta comprende interventi sulla facciata all’interno del chiostro, sul corrispondente loggiato, sugli ambiti interni delle aule e sulla copertura del piano sottotetto. Per le facciate, per il loggiato e per l’interno delle aule, al fine di garantire uniformità nell’intervento di completamento, si è tenuto conto delle soluzioni progettuali adottate nel primo intervento che ha interessato la facciata ed il loggiato dell’ala anteriore, nonché l’ambito interno dell’aula Capitolare. Gli interventi programmati saranno inclusivi per persone con disabilità con l’eliminazione delle barriere architettoniche. Con il completamento dei lavori e con l’ampliamento delle superfici fruibili si potrà dire che il Complesso monumentale di San Domenico sarà complessivamente riorganizzato e rinnovato, anche attraverso un processo di progettazione partecipata con il coinvolgimento degli abitanti del quartiere.

Entro dicembre è previsto l’affidamento all’impresa con appalto integrato. L’inizio dei lavori avverrà nel primo trimestre 2023. Tutta la documentazione per la partecipazione è disponibile al seguente indirizzo: https://comunedicosenza.traspare.com

La documentazione di gara e la documentazione tecnica sono disponibili anche presso l’Ufficio del RUP al primo piano del Complesso di San Domenico, in via Sertorio Quattromani. Il bando di gara scade alle ore 12,00 del 9 giugno prossimo, termine ultimo per la ricezione delle offerte.

 

Continua a leggere

Area Urbana

Aggressione a Piazza dei Valdesi, Caruso: “condannare inappellabilmente”

“La strada da percorrere è ancora tanta ed in salita e noi dobbiamo sforzarci con ogni mezzo per stigmatizzare aspramente accadimenti come quello di oggi”

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – “L’episodio di questa mattina in Piazza dei Valdesi è da condannare inappellabilmente. Non è possibile registrare ancora oggi episodi di violenza nei confronti delle donne”. Lo afferma il sindaco di Cosenza, Franz Caruso, commentando l’aggressione avvenuta questa mattina nel centro storico della città.

“L’aggressione che si è consumata in città ci fa comprendere, una volta di più, che a nulla sono valsi gli appelli e i moniti che anche le istituzioni, affannosamente, rivolgono nelle tante occasioni di discussione o riflessione, per cambiare una mentalità che, invece, si mostra, per retaggi che riesce sempre più difficile estirpare, resistente al cambiamento. Ogni qual volta episodi del genere si ripetono – sottolinea Franz Caruso – è una sconfitta per le istituzioni, per la città, per l’impegno che la società civile profonde nelle iniziative volte a sensibilizzare l’opinione pubblica contro ogni forma di violenza sulle donne. La strada da percorrere è ancora tanta ed in salita e noi dobbiamo sforzarci con ogni mezzo per stigmatizzare aspramente accadimenti come quello di oggi. Se non si vuole veder fallire miseramente l’obiettivo di una società migliore, rispettosa del ruolo della donna e della sua dignità, nella famiglia come nella professione e nella vita sociale, è necessario riconsiderare il rapporto uomo-donna, compiendo ogni sforzo per ripristinare – ed ogni occasione è quella giusta – quel rispetto che da tutti noi è dovuto nei confronti della donna, ricacciando indietro ogni forma di violenza, di sopruso o discriminazione che non possono essere più tollerate in un contesto completamente mutato e che deve guardare al futuro con fiducia – conclude il primo cittadino –  e non con il timore che episodi del genere abbiano ciclicamente a ripetersi”.

Continua a leggere

Di tendenza