"Praticare la gentilezza", Rende inaugura le panchine viola - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Area Urbana

“Praticare la gentilezza”, Rende inaugura le panchine viola

Avatar

Pubblicato

il

RENDE – La Settimana Nazionale delle Panchine Viola rappresenta un’opportunità per le cittadine ed i cittadini di tutte le età, e per il mondo dello sport di far conoscere l’importanza di praticare la gentilezza come abitudine per accrescere il benessere delle comunità. Incoraggiare queste buone pratiche ha senzaltro un’importante ricaduta sociale sul singolo cittadino, in particolare sui bambini ma ha anche profondo valore nei contesti sportivi oltre che in quello famigliare e nella comunità locale. La panchina infatti, è uno spazio che comunemente richiama momenti di incontro, ricreativi, di sport,di relax e socializzazione e rappresenterà una ulteriore occasione di riflessione sul valore della gentilezza per tutti i cittadini”. Durante la settimana dal 21 al 26 giugno saranno inaugurate le 8 panchine viola in collaborazione con la Consulta Infanzia Giovani e Famiglia.

Si parte lunedì 21 giugno con l’inaugurazione delle prime due panchine: la mattina quella situata nel quartiere di Santo Stefano e nel pomeriggio quella del quartiere Linze. Martedì mattina sarà inaugurata la panchina viola ad Arcavacata e nel pomeriggio quella del Centro Storico. Mercoledì 23 giugno al pomeriggio sarà la volta della panchina situata a Villaggio Europa. Giovedì 24 sempre nel pomeriggio zona Rocchi. Venerdì 25 al pomeriggio quella nella zona Cancello Magdalone. Per concludere sabato 26 sarà inaugurata la panchina viola all’interno del parco acquatico dove si svolgerà in concomitanza il festeggiamento della Giornata Nazionale della Gentilezza ai nuovi nati prevista lo scorso 21 marzo, ma rimandata causa Covid – 19, sempre alla presenza dell’Assessore alla gentilezza e del sindaco.

All’inaugurazione parteciperanno inoltre diverse Associazioni, ubicate sul territorio rendese, che realizzeranno in collaborazione con il Comune le panchine della gentilezza: IntrapRendere ; I Quartieri 2.0; L’Aquilone; Briciole di Fantasia ( in collaborazione con i bambini della Ludoteca parrocchiale “Madre Teresa di Calcutta”, ASD CEEP; ASD PAVARO FE; ASD Polisportiva Giovanni Salerno; Il Melograno; APS PartecipaAzione.

La Panchina viola simbolo di gentilezza

La prima panchina della gentilezza di colore viola è stata inaugurata il 7 Dicembre 2019 a Quincinetto TO, ideata dall’Assessore alla Gentilezza Erina Patti, la sua funzionalità è stata proposta dai bambini della scuola primaria locale durante un laboratorio dedicato, sulla panchina viola si può fare la pace, ci si può dare un appuntamento, si può giocare insieme..Venne scelto il viola in quanto deriva dall’unione del rosso che rappresenta la concretezza e del blu che simboleggia la profondità, pertanto ben identificativo della gentilezza. Da allora già alcuni Comuni Italiani l’hanno riproposta. Per la realizzazione della panchina viola è preferibile che venga rigenerata una panchina già esistente con il coinvolgimento di bambini e ragazzi e che riporti una frase significativa sulla gentilezza.

Coinvolte le comunità locali e sportive

Il Progetto Nazionale Costruiamo Gentilezza che ha come obiettivo, in 15 anni, di far diventare la gentilezza un’abitudine sociale diffusa, dopo aver sin da subito inserito la Panchina Viola nell’Archivio pubblico delle buone pratiche di gentilezza, ha programmato di favorirne la diffusione proponendo quest’anno un’intera settimana nazionale dedicata alle panchine viola, dal 21 al 27 di Giugno. In questo periodo oltre ai Comuni Italiani potranno inaugurare nuove panchine viola anche le società sportive, in quanto la panchina oltre ad essere un complemento d’arredo urbano è ricorrente anche nello sport. “L’inaugurazione delle panchine (o panche) viola rappresenta un’opportunità per far conoscere concretamente l’importanza della gentilezza per accrescere il benessere delle comunità locali e sportive – il fair play è gentilezza -, in particolar modo quello dei bambini e dei giovani” spiegano dall’Associazione Cor et Amor che coordina l’attuazione del progetto nazionale.

Area Urbana

Cosenza dona alla città ucraina di Mykolaiv un’apparecchiatura per l’emodialisi

Il macchinario sarà destinato all’Ospedale di zona, nella regione di Leopoli. La richiesta di supporto è stata accolta dall’azienda farmaceutica NIPRO

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Le iniziative di solidarietà della città di Cosenza e dell’Amministrazione comunale guidata dal Sindaco Franz Caruso si arricchiscono di una nuova importante pagina. Questa mattina a Palazzo dei Bruzi si è concretizzata, infatti, un’altra iniziativa benefica promossa dal Sindaco Franz Caruso e dall’Amministrazione di Palazzo dei Bruzi. Assente per impegni improcrastibali il primo cittadino, è stato l’Assessore Massimiliano Battaglia a ricevere in Municipio Nataliya Kutsenko, Presidente della sezione di Cosenza dell’APS S.A.L.O. Calabrese (Associazione di promozione sociale Ucraina) insieme a Mariya Heleta, altra rappresentante della stessa associazione, per comunicare la notizia della consegna, la prossima settimana, alla Cittadella del volontariato, di un macchinario per l’emodialisi da destinare all’Ospedale della città di Mykolaiv, nella regione ucraina di Leopoli (Lviv). La sezione cosentina dell’Associazione APS S.A.L.O. , nata formalmente quest’anno in città, anche se di fatto era in attività già da diversi anni, raccoglie al suo interno una parte della comunità ucraina presente a Cosenza che può contare sul 6% della popolazione generale. La Presidente Nataliya Kutsenko aveva fatto pervenire al Sindaco Franz Caruso una specifica richiesta per avere l’attrezzatura per l’emodialisi da spedire all’ospedale ucraino  di Mykolaiv. Grazie all’interessamento dell’Assessore Massimiliano Battaglia è stata contattata un’azienda farmaceutica, la NIPRO, che ha subito raccolto l’appello del Comune e dell’Associazione.

All’incontro in comune a rappresentare l’azienda c’era il rappresentante di zona Francesco Cannata. Soddisfazione è stata espressa dall’Assessore Massimiliano Battaglia per il raggiungimento dell’obiettivo. L’Assessore ha sottolineato il ruolo decisivo svolto dal Sindaco Franz Caruso a sostegno dell’iniziativa di solidarietà a favore della popolazione ucraina. “Dopo la sollecitazione della comunità ucraina abbiamo, come Amministrazione comunale, preso contatti con l’informatore della casa farmaceutica che produce apparecchiature medicalizzate e grazie a loro siamo riusciti ad avere questa macchina che è un apparecchio usato, prodotto in Belgio, con poche ore di lavoro e che è stato rigenerato. Ha lavorato per circa 12 mila ore , ma ne può assicurare il doppio e può essere utilizzata ancora per molto tempo”.  A ringraziare il Sindaco Franz Caruso e l’Amministrazione comunale è stata la Presidente dell’APS S.A.L.O., Nataliya Kutsenko che ha accolto la notizia della donazione gratuita con grande gioia. “Per noi è’ molto importante- ha detto – perché così possiamo aiutare chi ha bisogno, i nostri connazionali, i bambini e  tutti coloro che hanno necessità di essere curati. La nostra città di Mykolaiv non è di grandi dimensioni, ma lì sono arrivati molti profughi in fuga dalla guerra”.

L’attrezzatura che arriverà in Ucraina è un macchinario per emodialisi, modello Surdial Tm – X. A condividere lo scopo umanitario dell’iniziativa e a dare la spinta decisiva è stato Francesco Cannata dell’azienda farmaceutica che ha raccolto l’appello del Comune. “L’azienda che rappresento – ha sottolineato Cannata – è una delle più grandi a livello mondiale e si occupa di forniture di dialisi per quasi tutte le nazioni del mondo. Non è la prima volta che si procede a donazioni di questo tipo, avendo sempre un occhio di riguardo per le situazioni di bisogno. L’apparecchiatura verrà spedita da Milano a Cosenza lunedì prossimo e arriverà presso la Cittadella del volontariato di via degli Stadi nel giro di qualche giorno. Dopo di che sarà caricata per essere portata in Ucraina”.

Continua a leggere

Cosenza

Rampini (Corsera) :” Il gap infrastrutturale in Calabria si può recuperare con digitalizzazione”

Rampini,  per quanto riguarda la Calabria, ha spiegato per esempio che  il gap infrastrutturale,  potrebbe esser recuperato  accelerando nella digitalizzazione

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Tra i relatori del seminario svoltosi presso la Camera di Commercio di Cosenza, promosso insieme a Promos Italia,  incentrato alla individuazione degli  strumenti di sostegno all’internazionalizzazione e una maggior spinta alla digitalizzazione per continuare a presidiare i mercati tradizionalmente legati al nostro export e per intercettare nuove opportunità in economie a maggior potenziale di sviluppo, nella consapevolezza che i prodotti legati al territorio e alla cultura nostrana fanno del Made in Italy un marchio unico e apprezzato nel mondo, c’è stato  Federico Rampini, Editorialista del Corriere della Sera e saggista che ha affrontato i temi geoeconomici che stanno influenzando il mondo come la guerra in Ucraina. Rampini,  per quanto riguarda la Calabria, ha spiegato per esempio che  il gap infrastrutturale,  potrebbe esser recuperato  accelerando nella digitalizzazione

Continua a leggere

Area Urbana

Problemi dopo un parto in casa, mamma e bimbo salvati dall’elisoccorso di Cosenza

L’equipe di sanitari alla guida del dottor Pasquale Gagliardi ha provveduto a trasferire la puerpera ed il bambino appena partorito all’Annunziata

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

SAVELLI (KR) – E’ dovuto intervenire l’elisoccorso del 118 di Cosenza per prestare assistenza a Savelli, nel crotonese, ad una donna di 37 anni che aveva appena partorito in casa ed al neonato, entrambi con problemi. La telefonata al 118 ha fatto scattare immediatamente l’intervento dell’elisoccorso di Cosenza: l’equipe di sanitari alla guida del dottor Pasquale Gagliardi ha provveduto a trasferire la puerpera ed il bambino che aveva appena partorito nell’ospedale dell’Annunziata di Cosenza. La donna é stata ricoverata nel reparto di ostetricia e ginecologia, mentre il piccolo viene assistito dai sanitari della Terapia intensiva neonatologica. Adesso, comunque, entrambi stanno bene.

Continua a leggere

Di tendenza