Giornata per i Bambini Scomparsi, Polizia incontra gli studenti alla Città dei Ragazzi - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social
Avatar

Pubblicato

il

COSENZA – Una giornata per sensibilizzare sul fenomeno dei bambini scomparsi e per lanciare un messaggio di solidarietà e speranza a tutte quelle famiglie che non hanno più notizie dei loro figli. Un fenomeno che riguarda tutti i paesi del mondo con numeri impressionanti. Nel 2020 in Italia sono scomparsi 21 minori al giorno. Poco meno della metà sono stati ritrovati ma all’appello mancano soprattutto gli stranieri che arrivano soli nel nostro Paese e dei quali spesso si perde ogni traccia. Il commissario straordinario del Governo per le persone scomparse, Silvana Riccio, parla di numeri in calo ma pur sempre allarmanti: “Nel 2020 – spiega il prefetto Riccio – i minori scomparsi nel nostro Paese sono stati 7.672, dei quali 5.511 stranieri, il 71,8%. Quelli ritrovati sono stati 3.332, il 43,3%.

Iniziativa alla Città dei Ragazzi

La Questura di Cosenza a seguito dell’accorso siglato con il dirigente scolastico dell’istituto comprensivo “Don Milani – De Matera” ha preso parte stamattina ad una giornata per presentare il servizio “emergenza infanzia 114” alla presenza del personale della Polizia di Stato – Ufficio Minori, della Polizia Scientifica e della Polizia Postale. Nel corso dell’iniziativa è stata presentata l’attività dell’Ufficio Minori della Polizia di Stato, e si è parlato di “Cyberbullismo” e dell’importanza del social e del loro corretto utilizzo. All’iniziativa anche il Questore della Provincia di Cosenza, Giovanna Petrocca.

I ragazzi hanno potuto conoscere le attività della Polizia e in particolare quelle della Scientifica che svolge un’attività difficile ma di grande precisione e studio. “C’è bisogno di un’educazione a monte per questi ragazzi su tante insidie che possono presentarsi durante la loro età. Anche le istituzioni hanno il loro ruolo, e siamo sicuri che sarà una giornata entusiasmante per i bambini”. Una giornata di sensibilizzazione ma anche di comunicazione su sicurezza, cultura scientifica e legalità ai piccoli studenti.

Nel pomeriggio alle 17, in piazza 11 Settembre davanti alla Prefettura, sarà presente il Camper della “Polizia di Stato” per divulgare volantini al fine di sensibilizzare e fornire ogni utile informazione ai cittadini circa la “giornata internazionale dei bambini scomparsi”.

Foto/Video di Francesco Greco

Area Urbana

Vaccini, il Palazzetto dello Sport di Rende diventa Hub nazionale

Lo annuncia il sindaco di Rende Marcello Manna. La decisione è stata presa dopo la valutazione dei dati in esame dall’inizio della campagna di vaccinazione

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

RENDE (CS) – “Abbiamo l’ufficialità che il nostro nuovo palazzetto dello sport è stato scelto tra le sedi nazionali degli hub vaccinali“. Lo annuncia il sindaco di Rende Marcello Manna che comunica “la decisione, presa dal Ministero della sanità e dai vertici della Protezione Civile, giunge dopo l’attenta valutazione dei dati in esame dall’inizio della campagna di vaccinazione. È emerso evidente come parlare di buona sanità sia possibile anche a queste latitudini. Un dato, quello di Rende, – prosegue Manna – in controtendenza, ma che è frutto di una gestione efficace che è stata riconosciuta quale esempio virtuoso da seguire, la struttura si presta sia a livello strutturale che logistico ad una prosecuzione efficiente della somministrazione dei vaccini. Perché sia davvero una ripartenza capace di rilanciare la nostra economia, bisogna garantire il diritto alla salute e alla sicurezza sul lavoro: riteniamo – conclude il sindaco – che i due ambiti debbano viaggiare insieme perché strettamente correlati tra loro.

Continua a leggere

Area Urbana

Morta a Cosenza la 46enne colpita da ictus dopo il vaccino. Caso segnalato all’Aifa

La donna, originaria di Caccuri, dopo la prima dose di AstraZeneca aveva avvertito un malore. È morta nel tardo pomeriggio di ieri

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – La 46enne di Crotone è morta all’Annunziata di Cosenza. La donna era stata colpita da un ictus qualche giorno dopo che gli era stata somministrata la prima dose del siero AstraZeneca a fine maggio. Originaria di Caccuri, dopo essersi vaccinata aveva avvertito un malore ed aveva subito contattato il suo medico di famiglia. Da li era stata portata in un primo momento all’ospedale di Crotone dove era stata sottoposta ad una Tac che aveva evidenziato la presenza dell’ictus. Si era deciso di trasportare la 46enne all’Annunziata di Cosenza anche per capire se fosse stato possibile intervenire chirurgicamente. Ma le condizioni della donna si sono ulteriormente aggravate: è rimasta intubata ed attaccata alle macchine per quasi 20 giorni in terapia intensiva. La donna, però, non si è più ripresa e nel tardo pomeriggio di ieri è deceduta. I medici dell’ospedale di Cosenza hanno segnalato il caso all’Agenzia del Farmaco ed al ministero della Salute che dovranno ora accertare se vi sia un nesso con l’improvvisa rottura de vasi cerebrali e la somministrazione del vaccino. I familiari hanno autorizzato la donazione degli organi.

 

 

Continua a leggere

Area Urbana

Assistenza ai propri cari, l’Annunziata stila un nuovo regolamento

L’Azienda ospedaliera sta riprogettando la regolamentazione degli accessi nei reparti dei familiari dei pazienti

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – “L’adozione delle misure straordinarie che siamo stati costretti ad adottare relativamente agli accessi alle strutture ospedaliere e sanitarie, a causa dell’eccezionalità rappresentata dall’emergenza pandemica, se, da un lato, ha consentito la tutela dei pazienti e degli operatori sanitari, dall’altro, ha esacerbato alcuni problemi, come quello della difficoltà di assistere i propri cari o quello della carenza di personale”. È quanto riportato in un cominciato stampa dell’Azienda ospedaliera, a nome del commissario straordinario Isabella Mastrobuono, per spiegare alla cittadinanza quanto stia cambiando in termini di regolamentazione degli accessi in ospedale e quanto punti a valorizzare “l’accoglienza”, intesa nel suo significato più ampio e nella sua accezione più autentica, prevedendo un percorso che prediliga l’ascolto, accolga il cittadino e lo accompagni.

Rimodulazione dei fabbisogni, immissione di nuovo personale e di nuove attrezzature, riorganizzazione del Pronto soccorso e delle risorse umane verso i servizi che sono stati sacrificati durante l’emergenza pandemica – precisa il Commissario – sono i punti cardine su cui questa Amministrazione ha inteso basare la propria azione. Il reclutamento di nuovo personale, anche attraverso l’ultimazione delle prove del concorso per operatore socio sanitario, che si stanno svolgendo in questi giorni, è la prova che concretizza gli intenti di questa amministrazione. A breve, dunque, avremo nuovo personale disponibile che potremo integrare nei reparti, con priorità per il Pronto Soccorso, affinchè non si ripetano più certi episodi incresciosi. In questa direzione, seguendo la scia delle decisioni governative ed il notevole calo dei contagi, con una particolare attenzione alle istanze che vengono rappresentate in maniera propositiva dai cittadini, come è accaduto durante l’ultimo incontro con una rappresentanza di questi ultimi, l’Azienda ospedaliera sta riprogettando la regolamentazione degli ingressi nei reparti dei familiari dei pazienti, – conclude la Mastrobuono – per soddisfare la sempre più pressante richiesta massiva di poter stare accanto ai propri cari ricoverati. Nelle more dell’approvazione di questo regolamento, il Direttore del Dipartimento Materno Infantile, Dr. Gianfranco Scarpelli, ha adottato le prime misure relative al reparto di Ginecologia in data 10/06/2021”. Si legge nel provvedimento: è consentita l’assistenza alla partoriente da parte di un familiare nei casi di parto cesareo, parto distocico e in tutte le situazioni critiche necessarie, per l’intera durata della degenza. Per tutti gli altri reparti resta in essere il precedente provvedimento, ai sensi del quale, le richieste per i pazienti che hanno necessità di assistenza familiare, vanno rappresentate al Direttore dell’U.O. che, valutato il caso, concorderà l’autorizzazione con la Direzione medica del Presidio. In ogni caso, per il momento, sarà necessaria l’esibizione dell’esito negativo di un tampone, eseguito nelle 48 ore precedenti, avendo cura di utilizzare gli appositi dispositivi di sicurezza e rispettando la normativa anticovid. Potranno seguire ulteriori allentamenti, sempre in ossequio alle normative vigenti ed in previsione dell’approvvigionamento di test rapidi di ultima generazione e di elevatissima attendibilità, che dovremmo avere nella disponibilità aziendale entro la fine di giugno.

Continua a leggere

Di tendenza