Cosenza: fitti passivi a carico dell'Asp, lo strano caso di Acri - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Area Urbana

Cosenza: fitti passivi a carico dell’Asp, lo strano caso di Acri

Graziano Di Natale denuncia il caso di Acri: “Basta sprechi di denaro pubblico”. Interrogato il presidente della Giunta regionale affinchè vengano eseguite ricognizioni di tutti i fitti passivi

Avatar

Pubblicato

il

COSENZA – Il vicepresidente della commissione regionale anti ‘ndrangheta, Graziano Di Natale, nell’ennesima denuncia sul modus operandi dell’Asp di Cosenza ha “chiesto ufficialmente, mediante interrogazione a risposta scritta al presidente della Giunta regionale, di conoscere quali azioni intende intraprendere nei confronti dell’ASP di Cosenza al fine di effettuare una ricognizione di tutti gli immobili, non di proprietà, presso i quali, però, sono ospitate attività e presunti servizi”.

Di Natale ha proposto anche “in ottica di una spesa oculata di soldi pubblici, di redimere uno studio valido per capire se sussistono i presupposti per accorpare i servizi in uniche strutture così da contenere i costi per i fitti passivi. L’Asp di Cosenza annualmente eroga a soggetti privati canoni per la concessione di dieci unità immobiliari nel Comune di Acri per mezzo di una concessione formalizzata a ridosso degli anni ottanta-novanta. Per tali immobili l’Asp sostiene annualmente costi per canoni di locazione passivi per il fitto delle suddette unità immobiliari di quasi 68.000 euro. Al netto del servizio che viene offerto agli utenti, è evidente che non viene rispettato alcun criterio di economicità nella gestione della spesa sanitaria”.

Il Segretario-Questore dell’assemblea regionale della Calabria sottolinea la bontà della propria proposta e dichiara: “Non sono assolutamente favorevole alla spoliazione di servizi pubblici. Sia ben chiaro. Non si discutono le prestazioni sanitarie offerte ai cittadini ma in una gestione oculata della spesa pubblica vanno fatte scelte sensate. Sul territorio esiste il presidio ospedaliero di Acri “Beato Angelo” che è individuato come struttura indispensabile per tutto il territorio. Nonostante l’ampio bacino di utenza molti reparti sono stati depotenziati. Ritengo quindi opportuno una ridistribuzione dell’intera spesa impegnata per il pagamento annuale dei fitti grazie ad un accorpamento, sensato ed oculato, dei servizi attualmente dislocati negli stabili privati, verso i locali del presidio ospedaliero in maniera tale da sostenere un risparmio economico non indifferente, e una maggiore presenza di servizi per i pazienti nell’ospedale, vero centro di riferimento per quella vasta area territoriale”.

Quanto avviene ad Acri, piuttosto che ad Amantea, si verifica puntualmente in molte realtà della provincia di Cosenza. Stiamo parlando di fitti pagati profumatamente a privati per l’erogazione di presunti servizi pubblici. Il bilancio dell’Asp di Cosenza è in deficit. Bisogna tagliare le spese superflue e la mia proposta è mirata al risparmio economico, senza tagli sui servizi sanitari. È possibile anche in Calabria, a Cosenza, una gestione tutt’altro che scellerata della cosa pubblica, dove vengono tagliati gli sprechi e non i benefici per i cittadini. Per questa serie di ragioni – conclude Di Natale – interrogo la giunta regionale chiedendo loro di vigilare su queste cose, facendo valere la propria, presunta, autorevolezza politica. La politica dinnanzi a questo scempio non può lavarsene le mani giocando a scarica barile”.

Area Urbana

Rende, parte lo sportello sulle agevolazioni fiscali edilizie

Parte a Rende lo sportello informativo sulle agevolazioni fiscali in edilizia per sostenere le iniziative volte alla tutela ambientale, alla sicurezza strutturale e al risparmio energetico quali presupposti fondamentali della sostenibilità territoriale

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

RENDE – “Il perseguimento degli obiettivi di tutela del territorio – ha spiegato il sindaco Marcello Manna – si raggiunge anche attraverso la sostenibilità finanziaria degli interventi di riqualificazione edilizia, soprattutto nell’attuale periodo di contrazione economica determinata, anche, dall’emergenza sanitaria. Per questo si è pensato ad istituire uno sportello che informasse la cittadinanza sulle diverse agevolazioni fiscali per gli interventi edilizi da eseguire su immobili di proprietà privata”.

Il primo cittadino che ha la delega all’urbanistica, ha aggiunto: “tra gli sgravi fiscali ricordiamo esserci il bonus facciate, detrazione d’imposta per interventi finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna degli edifici, la riqualificazione energetica, detrazione dall’IRPEF o dall’IRES concessa quando si eseguono interventi che aumentano il livello di efficienza energetica degli edifici esistenti, di qualunque categoria catastale, anche se rurali, compresi quelli strumentali per l’attività d’impresa o professionale”.

“Inoltre è possibile accedere alla detrazione dall’IRPEF delle spese sostenute per interventi di restauro e risanamento conservativo e di ristrutturazione edilizia, riguardanti interi fabbricati, eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare e da cooperative edilizie, nonché delle spese sostenute per l’acquisto di fabbricati a uso abitativo ristrutturati. Infine ricordiamo il superbonus, detrazione fino al 110%, delle spese sostenute per specifici interventi di efficientamento energetico, di riqualificazione antisismica, di installazione di impianti fotovoltaici o di infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici, misura che si aggiunge alle detrazioni previste per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio, compresi quelli per la riduzione del rischio sismico (Sismabonus) e di riqualificazione energetica degli edifici (Ecobonus)”.

“Lo sportello informativo – ha concluso il sindaco – sarà un servizio essenziale per supportare i soggetti interessati alla fruizione delle agevolazioni fiscali nella realizzazione di interventi di riqualificazione e/o ristrutturazione di immobili ricadenti nel territorio del Comune di Rende, grazie al quale la nostra comunità potrà avvalersi della consulenza gratuita di professionisti esterni, in possesso di adeguata competenza che forniranno così supporto tecnico-amministrativo ai contribuenti sulle tematiche inerenti agli interventi su immobili per i quali siano ammesse agevolazioni fiscali”.

Continua a leggere

Area Urbana

Corti Cosenza, premiati i vincitori dei concorsi di scrittura creativa e cortometraggi

Corti Cosenza ieri al Teatro Rendano per la prima serata della seconda fase della 7^ edizione del festival di Teatro in Note, presieduta dal direttore artistico Vera Segreti, che ha da poco festeggiato i 20 anni di attività

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Una serata impreziosita dalla presenza, in collegamento video, del conduttore televisivo e radiofonico Nicola Savino, che ha rimarcato, ancora una volta, il suo forte legame con la città di Cosenza dove trova origine una parte della sua famiglia. Savino, intervistato da Fabio Vincenzi, ha rivolto un plauso all’attività di Vera Segreti e di Teatro in note e ha spronato i ragazzi a dare vita ancor di più alla loro espressione creativa anche in un momento storico così difficile come quello che stiamo affrontando in questo periodo.

Ma i protagonisti sono stati ancora una volta i ragazzi delle scuole superiori della provincia di Cosenza e, sul palco del Rendano, sono stati premiati i vincitori della sezione dedicata alla scrittura creativa e della sezione dedicata ai cortometraggi.

Premio ex aequo per il primo posto della categoria scrittura creativa vinta da Thomas Garraffa con il racconto “12 aprile 1943” e Mario Francesco Vigna con “Sam 2.0”; secondo posto per “Ancor vivo” di Maria Gabriella Ferrara e terzo posto per Anna Lucia Pecora con “Lieto fine”. Il premio della critica è andato a Ilaria Covelli con “Semplicemente addormentarsi”. Il Premio Hidalgo per il miglior racconto per un adattamento cinematografico è andato a Giuseppe Nucifora per “L’uomo che raccontava i quadri”. La sezione cortometraggi è stata vinta dall’elaborato del IIS Castrolibero.

Dopo le premiazioni, la serata è proseguita con le risate de La Terra di Piero che, guidata da Sergio Crocco, si è esibita in diversi sketch comici sul palco del Rendano. Nel foyer era presente l’associazione Gli altri siamo noi, presieduta da Adriana De Luca, con il banchetto dei prodotti del marchio “Buoni buoni”. Nel corso della serata sono intervenuti l’assessore comunale Alessandra De Rosa, che ha voluto ringraziare Teatro in note per il lavoro che svolge con gli studenti, e i dirigenti scolastici che hanno partecipato al festival con le loro scuole.

«È stata una premiazione molto emozionante – ha sottolineato il direttore artistico Vera Segreti – ricominciare Corti Cosenza è stato per noi importantissimo perché è un segnale di rinascita e di un lento ritorno alla normalità. Noi andremo avanti con i prossimi appuntamenti e siamo già all’opera per l’ottava edizione del festival che abbiamo messo in cantiere».

Prossimi appuntamenti di Corti Cosenza

Martedì 22 giugno al Chiostro di San Domenico dove, alle 18, verrà presentato il libro “Lantivirus. Racconti brevi” con Pino Sassano che dialogherà con gli autori. Alle 19.30 si terrà una visita guidata e sarà offerto un percorso enogastronomico. Giovedì 24 giugno, sempre al Chiostro di San Domenico alle 18, si terrà l’incontro con l’attrice e scrittrice Camilla Filippi che presenterà il suo libro “La sorella sbagliata” dialogando con Vera Segreti.

Continua a leggere

Area Urbana

Cosenza, donati centinaia di libri al reparto di oncologia dell’ospedale

Prosegue il progetto nazionale dell’Associazione Valentia di donazione libri negli ospedali italiani, donati numerosi libri all’Ospedale dell’Annunziata

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – L’associazione Valentia, realtà associativa con numerose sedi sul territorio nazionale, promotrice di attività culturali e sociali, in collaborazione con alcune case editrice ha donato, dona in totale sinergia con la sede dell’associazione di Cosenza dell’Associazione Valentia, centinaia di libri al reparto oncologia dell’Annunziata. Un gesto importante, una donazione che l’associazione, tramite il proprio presidente nazionale Anthony Lo Bianco commenta: “Auspico possa essere un invito per tutti a reinterpretare il significato del dono”.

Il referente per la città di Cosenza dell’associazione Valentia, Nicolò Presta dichiara: “Non vogliamo e non dobbiamo dimenticare nessuno, proprio per questo motivo oggi mi sono recato come referente Associazione Valentia presso il reparto di Oncologia dell’Ospedale Annunziata di Cosenza per donare libri a chi ne ha bisogno. Nei volti dei pazienti presenti in reparto si percepisce la tenacia e la voglia di lottare contro la malattia, tutto ciò dev’essere per ognuno di noi fonte di ispirazione e ci deve ricordare che nel 2021 non esiste solo il Covid.
Colgo l’occasione per ringraziare il primario del reparto di Oncologia Serafino Conforti e la psicologa Angela Piattelli per la disponibilità.”

Continua a leggere

Di tendenza