Castrolibero, istituita la figura del Garante per le persone con disabilità - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Area Urbana

Castrolibero, istituita la figura del Garante per le persone con disabilità

Anna Giulia Mannarino, consigliera del Gruppo misto al Comune di Castrolibero: “istituita una figura simbolo di civiltà”

Avatar

Pubblicato

il

 

CASTROLIBERO – “Finalmente abbiamo raggiunto l’obiettivo che ci eravamo posti e il comune di Castrolibero avrà un Garante dei diritti delle persone con disabilità che verrà ufficialmente istituito attraverso l’approvazione dell’apposito Regolamento nella prossima seduta consiliare del 30 aprile”. A dirlo è Anna Giulia Mannarino, consigliera del Gruppo misto al Comune di Castrolibero.

“Questa figura – dice Mannarino – da me richiestae dal collega consigliere del Gruppo Misto, Aldo Figliuzzi, in una mozione presentata e approvata durante i lavori del Consiglio comunale del 30 novembre 2020, sarà autonoma e super partes, pensata per promuovere la piena realizzazione dei diritti delle persone diversamente abili, nonché la loro integrazione e inclusione sociale. Ciò evidenzia una crescente e significativa sensibilità nei confronti dei soggetti che necessitano di maggiore attenzione da parte della comunità e delle istituzioni ponendo Castrolibero al passo con le realtà più evolute e fornendo un sostegno tangibile a chi ogni giorno affronta ostacoli e barriere materiali e immateriali”.

“Sono soddisfatta – prosegue – del risultato raggiunto attraverso la collaborazione maturata con la maggioranza anche perché credo che su tematiche così importanti non esistano distinzioni politiche, bensì occorra far fronte comune per il bene di tutti, soprattutto i più fragili, promuovendo una cultura attiva dell’inclusione. Il Garante, che eserciterà la propria attività a titolo gratuito e sarà individuato tramite un avviso pubblico predisposto dal settore Servizi sociali, avrà il compito di vigilare, segnalare, intervenire in via sostitutiva e sanzionare i comportamenti causanti la lesione dei diritti, l’emarginazione e l’esclusione sociale dei disabili, monitorerà l’intero processo di gestione dei pubblici servizi che riguardano la categoria, solleciterà all’occorrenza l’istituzione di tavoli tecnici con la partecipazione di tutti gli enti coinvolti in specifiche problematiche segnalate e da risolvere, interverrà anche nei confronti di soggetti privati cui si rivolgono eventuali reclami da parte di persone con disabilità, sarà promotore di iniziative a carattere informativo e culturale”.

“Non posso dunque che ringraziare per lo sforzo profuso– conclude Anna Giulia Mannarino – il Consiglio comunale ed in particolare, fra tanti, la dirigente dei Servizi sociali, dott.ssa Paola Ruffolo, per il lavoro svolto nella redazione del Regolamento che permetterà l’istituzione di una figura così importante”.

Area Urbana

“Tariffe illegittime sull’acqua”: a Castrolibero nasce il comitato per tutelare i cittadini

‘Castrolibero Acqua bene comune’ renderà accessibili a tutti le spese giudiziarie “con un’azione cumulativa ed uniforme”, specifica il presidente Francesco Calvelli

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CASTROLIBERO (CS) – “In Castrolibero, é stato costituito un Comitato denominato ‘Castrolibero Acqua bene comune’, per tutelare i Cittadini gravati dai considerevoli aumenti delle tariffe dell’acqua che la Società Concessionaria “Acque Potabili” ha richiesto sulla base di calcoli assolutamente illegittimi, che hanno determinato un aumento del doppio dei costi rispetto agli anni precedenti”. Così scrive in una nota il presidente il Presidente del Comitato Francesco Calvelli.

“Detto Comitato, al fine di tutelare gli interessi degli utenti, anche residenti in altri Comuni, – prosegue Calvelli – ha già conferito mandato ad alcuni avvocati del Foro di Cosenza, al fine di contenere i costi di giustizia, rendendoli accessibili a tutti, con un’azione cumulativa ed uniforme, che così avrebbe anche una maggiore celerità per la tutela legale da garantire dinanzi l’Autorità Giudiziaria.

Un incontro per illustrare le criticità della documentazione contabile

Tanto considerato, – precisa Calvelli – nei prossimi giorni il costituito Comitato fisserà un incontro con i cittadini per illustrare le criticità emerse dopo la verifica della documentazione contabile in possesso e successivamente, dare seguito all’instaurazione dell’eventuale fase processuale allo scopo di garantire le ragioni degli utenti, lese dalle illegittime richieste economiche della società Concessionaria.

“Attesa l’importanza della problematica ed anche in considerazione della circostanza che l’acqua rappresenta un bene pubblico primario, sarebbe auspicabile la partecipazione dei Cittadini di Castrolibero e, comunque, degli utenti del servizio. Per ulteriori informazioni – conclude il presidente del Comitato – scrivere all’indirizzo mail: [email protected]

 

Continua a leggere

Area Urbana

Rende, la Coppa Italia di Torball non si terrà al Palazzetto dello Sport “costretti a cambio sede”

Un sopralluogo ha constatato delle problematiche acustiche che inficerebbero sulla prestazione degli atleti non vedenti

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

RENDE (CS) – “A seguito della comunicazione pervenuteci stamane, siamo costretti a spostare la manifestazione prevista per oggi al Palazzetto dello Sport nella struttura di via Meucci a Quattromiglia”. Così il consigliere con delega allo sport del comune di Rende, Giovanni Gagliardi, in merito alla finale di Coppa Italia di  Torball che si terrà a Rende oggi e domani. In una lettera arrivata in municipio stamane, la sezione provinciale dell’Unione Italiana Ciechi e la Polisportiva Olympia hanno comunicato la decisone presa questa mattina dai dirigenti della FISPIC a seguito del sopralluogo effettuato per omologare il campo nel quale doveva svolgersi la finale di Coppa Italia Di Torball.

“Necessario ambiente idoneo alla gara”

“Ci duole non poter aprire oggi le porte del Palazzetto dello sport, ma l’obiettivo primario resta quello di poter permettere ai nostri ragazzi dell’Olympia di svolgere in serenità e in un ambiente idoneo l’importante gara che dovranno disputare col massimo della concentrazione”, ha spiegato Gagliardi.

Nella comunicazione arrivata in comune si legge infatti che: “Il Torball, così come il Goalball, è uno sport che si pratica in completa assenza della vista e col massimo silenzio assoluto, perlomeno nella fasi di gioco, di tutti i partecipanti (arbitri, team e pubblico). Ciò comporta che l’unico senso a cui possono concretamente affidarsi gli atleti durante il gioco sia proprio l’udito (da cui l’utilizzo di una palla sonora).

L’ampiezza interna del nuovo palazzetto unita, nell’attuale momento storico che impone restrizioni rilevanti, dal numero esiguo di spettatori, aggrava le problematiche acustiche pregiudicando concretamente e pervasivamente la fruibilità del gioco per gli atleti. Nello specifico, gli esami eseguiti dalla Federazione per quanto concerne i tempi di riverbero del suono all’interno dell’area di gioco, sono superiori alla media consentita”.

La gara si svolgerà a Quattromiglia

La finale di Torball si svolgerà dunque all’interno del palazzetto di via Meucci, dove si è già tenuto con successo il precedente evento di campionato di Goalball il 16 e 17 aprile: “ora concentriamoci e sosteniamo la nostra squadra. Ci sarà tempo, appena le restrizioni COVID lo permetteranno, di far utilizzare loro il Palazzetto dello Sport. Forza Olympia: la vostra città tifa per voi!”, ha concluso il consigliere con delega allo sport.

Continua a leggere

Area Urbana

Rende, sorpresi a consumare ai tavoli a mezzanotte. Sanzioni e birreria chiusa

20 clienti consumavano bevande e cibo oltre l’orario consentito, trasgredendo il coprifuoco

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

RENDE (CS) – Nella serata di ieri i militari dell’Aliquota Radiomobile hanno elevato una sanzione amministrativa nel confronti del titolare di una birreria del centro e di 20 clienti, sorpresi intorno alla mezzanotte, all’interno del locale, intenti a consumare cibo e bevande ai tavoli, in chiara violazione dei divieti imposti dall’ultimo D.L. n. 52 del 22 aprile. I Carabinieri hanno anche disposto la chiusura immediata per cinque giorni della struttura recettiva.

Proseguiranno nei prossimi giorni i controlli effettuati dai militari dell’Arma, volti ad assicurare il rispetto delle disposizioni adottate a tutela dell’incolumità e della salute pubblica.

Controlli finalizzati alla prevenzione dell’illegalità

Nell’ambito dei quotidiani servizi di controllo del territorio, finalizzati alla prevenzione dei fenomeni di illegalità, i Carabinieri della Compagnia di Rende pongono particolare attenzione anche al rispetto delle prescrizioni in ragione dell’esigenza epidemiologica da Covid-19, intervenendo, d’iniziativa o su segnalazione dei cittadini, per sanzionare eventuali comportamenti scorretti.

Continua a leggere

Di tendenza