ASCOLTA RLB LIVE
Search


Dieta Plank menu

Dieta Plank, il menu settimanale originale e modificato per perdere 9 kg in 15 giorni

Dieta Plank: una dieta lampo molto restrittiva e altamente proteica. Dura 15 giorni e accelera il metabolismo per bruciare più grassi. Attenendosi scrupolosamente alle sue indicazioni si possono perdere fino a 9 chili in 15 giorni

.

Con l’arrivo della primavera e l’approssimarsi della stagione estiva arriva l’incubo di milioni di persone: ritornare in forma dopo i bagordi dell’inverno. Imparare a mangiare bene, seguire un regime alimentare corretto e fare tanto sport sono le indicazioni di dietologi e nutrizionisti. Per i piĂą pigri e per chi ha la necessitĂ  di perdere subito peso ci sono diverse diete. Tra le piĂą gettonate c’è la dieta fasting per perdere dai 3 ai 5 kg al mese anche senza fare sport con il digiuno a intermittenza.Una dieta tornata in auge anche in Italia quest’anno è quella che arriva direttamente dagli Stati Uniti e che ha spopolato tra milioni di americani: la dieta Plank.

Dieta Plank modificata

Come funziona e cos’è la dieta Plank

Si tratta di una dieta cosiddetta lampo, iperproteica e ideata da Max Planck. Si tratta di un regime alimentare molto restrittivo ma che seguito correttamente, consente una perdita di peso pari a ben 9 Kg in sole due settimane. Non tutti però riescono a seguire il regime impostato dalla Dieta Plank originale, per questo motivo che è nata la dieta Plank modificata. Il rendimento, ovviamente, dipende anche dal punto di partenza ed i risultati sono direttamente proporzionali al grado di “sovrappeso” iniziale. Il funzionamento della dieta Plank è apparentemente semplice e basilare: attraverso un regime alimentare sbilanciato e iperproteico, consente di perdere 9 kg in due settimane e di mantenere il peso raggiunto al termine dei 14 giorni per almeno tre anni, senza ulteriore diete o sacrifici, in virtù di un cambiamento generale del vostro metabolismo.

Va sottolineato che a causa del regime iperproteico molto sbilanciato questa dieta lampo è assolutamente sconsigliata a donne in gravidanza, diabetici, soggetti con colesterolo alto, cardiopatici, chi soffre di malattie renali e anemia.

Bere molta acqua, no a zuccheri

Quando si segue la dieta è fondamentale bere 2 litri di acqua al giorno ed evitare categoricamente alcool, bevande gassate e la birra, mentre è consentita solo l’acqua naturale. Durante la dieta è vietato assolutamente anche l’uso di zucchero (saccarina e simili). Abolizione completa di carboidrati e cereali (usati invece nella dieta del riso) come pane e pasta con consumo di frutta limitato ad una sola porzione alla settimana. i.

Dieta Plank: il menu originale

Ecco il menu originale della Dieta Plank da seguire per una settimana e che ovviamente andrà ripetuto anche nella settimana successiva. La caratteristica della Plank è che gli alimenti non vanno pesati, quindi nessuna restrizione alla quantità, ovviamente senza esagerare

Martedì
Colazione: caffè senza zucchero ed un panino piccolo
Pranzo: bistecca grande, insalata e frutta a scelta
Cena: Prosciutto cotto in quantitĂ  desiderata

Mercoledì
Colazione: caffè senza zucchero ed un panino piccolo
Pranzo: due uova sode, insalata e pomodori
Cena: prosciutto cotto e contorno di insalata

Giovedì
Colazione: caffè senza zucchero e un panino piccolo
Pranzo: un uovo sodo, carote (crude o bollite), formaggio svizzero
Cena: frutta a scelta e yogurt magro

Venerdì
Colazione: caffè senza zucchero e carote condite con limone
Pranzo: pesce al vapore e pomodori
Cena: bistecca con contorno di insalata

Sabato
Colazione: caffè senza zucchero e un panino piccolo
Pranzo: pollo alla griglia
Cena: due uova sode e contorno di carote

Domenica
Colazione: tè con succo di limone
Pranzo: bistecca alla griglia e frutta a piacere
Cena: pasto a piacere

 

Dieta Plank: il menu modificato

Trattandosi come detto di un regime dietetico molto restrittivo, sono stati studiati e provati alcuni cambiamenti che possono rendere la dieta meno dura da seguire. La mattina se proprio non riuscite a mangiare il panino previsto, potete sostituirlo con tre fette biscottate. A pranzo o a cena, dipende dalle giornate, non predilige le uova sode può cucinarle in un altro modo: l’unica accortezza deve essere quella di non utilizzare l’olio, dunque niente uova fritte. Il formaggio previsto il quarto giorno di dieta, si può sostituire con altri tipi di formaggi magri, come quelli spalmabili. L’unica inversione tra pranzo e cena è concessa la domenica, dove in un pasto è possibile mangiare ciò che più si desidera.

 

N.B: Trattandosi di diete lampo molto restrittive è fondamentale chiedere sempre l’aiuto e il supporto di un nutrizionista o un dietologo