Ordigni bellici riafforati a seguito della forte pioggia

REGGIO CALABRIA – Diversi ordigni, residuati della seconda guerra mondiale, sono stati rinvenuti casualmente da alcuni cittadini nel territorio della provincia di Reggio Calabria, a seguito delle precipitazioni di questi giorni.

Gli ordigni sono stati segnalati e successivamente vigilati dalle locali forze dell’ordine. Tre di essi sono stati neutralizzati da un team artificieri dell’Esercito inviato in missione dalla caserma “E. Manes” di Castrovillari. “I residuati, identificati in una spoletta d’artiglieria, una bomba da mortaio inglese e una granata antiaerea tedesca da 88mm, – spiega una nota – tutti contenenti alto esplosivo, sono stati trasportati, interrati e fatti detonare in maniera controllata in una zona impervia della frazione Archi di Reggio Calabria, con la collaborazione del personale artificiere della Polizia di Stato del XII Reparto Mobile e con il prezioso supporto medico della Croce Rossa Italiana. Inoltre si è provveduto al riconoscimento delle munizioni inesplose, alla messa in sicurezza e alle pericolose operazioni di brillamento delle stesse. Il personale della Polizia di Stato, ha provveduto poi alla rimozione di ogni frammento o materiale di risulta, in osservanza delle norme ambientali in vigore. Ordigni inesplosi – si fa rilevare inoltre – continuano a riaffiorare numerosi, anche a distanza di molti anni, mescolandosi con altri rinvenimenti che danno luogo ad allarmi, rivelantisi poi, fortunatamente, delle vere e proprie bufale, come pochi giorni fa a Saracena (CS), dove alcune parti meccaniche abbandonate in un terreno, originariamente appartenenti ad autovetture ma dalla forma assimilabile ad ordigni inesplosi, hanno fatto scattare, per motivi di sicurezza, il meccanismo di allarme delle locali forze dell’ordine, poi rientrato dopo il tempestivo riconoscimento negativo da parte del personale dell’Esercito, inviato sul posto”. 

- Pubblicità sky-

Ultimi Articoli

Cosenza, siglato il protocollo “Codice rosso” fra Uepe e Csm

COSENZA - Siglato protocollo d’intesa fra il Dipartimento Giustizia minorile e di comunità – Ministero della Giustizia, Ufficio locale di esecuzione penale esterna di...
protesta-unical-per-Palestina

Unical, il Senato Accademico prende posizione: «cessate il fuoco in Palestina»

RENDE (CS) - Dopo le forti tensioni che hanno coinvolto diverse università italiane - tra cui anche l'Unical - il Senato Accademico della Calabria...

Incidente sul lavoro nel Cosentino, Celebre: «la mattanza continua, troppe lacune nella sicurezza»

CATANZARO - «La mattanza continua. Nonostante i tanti appelli si continua a morire di lavoro. Purtroppo, in Calabria ieri si è verificato un altro...

Tragedia a Roggiano Gravina: muratore 65enne cade dall’impalcatura e muore

ROGGIANO GRAVINA (CS) - Ennesima tragedia sul lavoro nel cosentino. Ieri pomeriggio un muratore di 65 anni in pensione, M.T.,  è morto dopo essere...

Adescato online, sequestrato, picchiato brutalmente e rapinato: arrestati tre giovani

REGGIO CALABRIA - I Carabinieri della Compagnia di Reggio Calabria hanno arrestato tre giovani di età compresa tra i 28 ed i 30 anni,...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti

Correlati

Categorie

Leggi ancora

Unical: giovani talenti in mostra al DAM, con il progetto “Alter”

RENDE - "Mi piacerebbe continuare questo percorso e poterlo trasformare in futuro in un lavoro". Ha raggiunto il suo obiettivo l’associazione Entropia APS, che...

Omicidio Gioffrè: il corpo “avvolto e non coperto”. Mirabelli chiede di...

COSENZA - Nuova udienza questa mattina in Corte d'Assise a Cosenza per l'omicidio di Rocco Gioffrè, (i cui familiari i figli Francesca, Giovanna e...

Processo Mirabelli, i video precedenti l’omicidio di Gioffrè “dormiva con un’ascia...

COSENZA - Nuova udienza oggi in Corte d'Assise a Cosenza del processo per l'omicidio di Rocco Gioffrè, 75 anni, ucciso con quaranta coltellate in...

Cosenza: uccise il vicino di casa, le chat tra Tiziana Mirabelli...

COSENZA - Udienza questa mattina in Corte d'Assise a Cosenza, del processo per l'omicidio di Rocco Gioffrè, pensionato di 75 anni, ucciso con oltre...

Centro protesi Inail Lamezia: un’eccellenza per restituire una nuova vita dopo...

LAMEZIA TERME - Il mondo della disabilità comprende anche i pazienti sottoposti ad amputazione, sia per asportazione chirurgica che in caso di perdita accidentale...

‘Ndrangheta, concessi i domiciliari all’avvocata Bagalà: era in carcere da oltre...

AOSTA - Il tribunale di Lamezia Terme ha disposto nei giorni scorsi la scarcerazione dell'avvocata Maria Rita Bagalà, concedendole gli arresti domiciliari presso la...